La camorra bombarola fa paura: ordigno contro il palazzo dei parenti del pentito

di Marco Di Caterino

La camorra bombarola più scatenata che mai. Dopo i setti ordigni ad Afragola, il tritolo torna a Sant'Antimo, dove pure aveva seminato terrore e distruzione con cinque attentati esplosivi in pochi mesi, l'ultimo il quattro dicembre scorso nel pressi dell'abitazione di una consigliera comunale. La notte scorsa è stato fatto esplodere un potente ordigno, piazzato alla base del portone d'ingresso di un elegante palazzo al civico 25 della centralissima via Roma.

La deflagrazione che è stata avvertita a Giugliano e fino a Casandrino, ha svegliato di soprassalto centinaia di residenti della zona, che in preda al terrore per la potente esplosione, hanno temuto una forte scossa di terremoto o peggio l'esplosione di qualche caldaia a gas. E sono state numerose le telefonate alla centrale operativa del 112, che ha girato la nota ai colleghi della locale caserma che in una manciata di minuti sono giunti sul posto dello scoppio.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 7 Gennaio 2019, 15:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP