Stupro della Circum, la Cassazione respinge il ricorso della Procura: i tre presunti colpevoli restano liberi

di Francesco De Sio

  • 122
La Terza Sezione penale della Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dalla Procura di Napoli sull'annullamento delle ordinanze del Riesame a carico dei tre indagati per il presunto stupro della Circum, avvenuto lo scorso 5 marzo. Per gli ermellini, come prospettato ieri anche dal procuratore generale nel corso dell'udienza, l'istanza dei pm partenopei era fondata su argomentazioni «di merito» - ossia di sostanza - e non su aspetti procedurali - ossia di forma - come prevede la specifica competenza dei giudici in fase cautelare. A prevalere, alla fine, è stata quindi la linea difensiva dei legali dei giovani.
 

Alessandro Sbrescia, Raffaele Borrelli e Antonio Cozzolino attenderanno dunque eventuali sviluppi sul processo a loro carico da liberi cittadini. Una battaglia vinta dal pool di avvocati composto da Rosario Piombino, Eduardo Izzo, Giuseppina Rendina, Massimo Natale e Antonio De Santis, i quali hanno ovviamente espresso «piena soddisfazione per la decisione di oggi e cautela in vista delle prossimi appuntamenti». L'inammissibilità del ricorso, secondo quanto appresso, non dovrebbe compromettere la possibilità di rinvio a giudizio per i ragazzi arrestati quattro mesi fa con l'accusa di stupro di gruppo all'interno della stazione Circum di San Giorgio a Cremano. Attese, in questo senso, novità nelle indagini.
Mercoledì 17 Luglio 2019, 10:59 - Ultimo aggiornamento: 17-07-2019 13:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP