Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Policlinico, polemiche a Napoli su laboratorio di analisi in ferie: «Ho pagato per gli esami»

Giovedì 11 Agosto 2022 di Mariagiovanna Capone
Policlinico, polemiche a Napoli su laboratorio di analisi in ferie: «Ho pagato per gli esami»

Ventiquattrore di stop, poi problema risolto. Ma ieri il foglio di carta era appiccicato sulla porta con lo scotch diceva: Siamo in ferie dall'8 al 26 agosto. Un cartello piuttosto comune in questo periodo, peccato che quella porta sia dei laboratori di analisi dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II.

A denunciare le ferie del laboratorio del secondo Policlinico è stata Patrizia, docente napoletana, che si è svegliata all'alba come al solito per arrivare puntuale all'appuntamento periodico per svolgere le analisi prima delle 7.30, cioè prima dell'apertura consueta. Con lei altri 15 pazienti esterni della giornata seguiti dall'ospedale universitario che si accorgono delle ferie, solo dopo aver atteso parecchi minuti che si palesasse qualcuno.

«Quando ho letto l'annuncio, non volevo crederci. Mi sembra paradossale che da un ospedale si chiuda il laboratorio di analisi cliniche per ferie. Le malattie non vanno in ferie, io sono sempre malata tra l'8 e il 26 agosto». Informato proprio dal Mattino della situazione vissuta dai pazienti, Giuseppe Longo, neo Direttore Generale dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II che si è insediato appena martedì, ha provveduto immediatamente a «porre in continuità l'assistenza agli utenti, che va garantita sempre» e «ristabilire la regolare attività».

Da alcuni mesi, dopo un aneurisma da cui è stata salvata per il rotto della cuffia, Patrizia è seguita costantemente per monitorare la malattia ematologica di cui è affetta. Il laboratorio di analisi nell'edificio 3E del complesso dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II è ormai una seconda casa, dove si sente in mani sicure. «È un laboratorio di eccellenza, ho incontrato persone che da Roma vengono qui. E così come non hanno avvisato me della chiusura degli uffici, così non avranno avvisato loro. Magari lunedì o martedì sono passati centinaia di chilometri e di tempo prezioso gettato» racconta la docente. La rabbia per i laboratori chiusi per ferie è stata tale, che Patrizia non ha voluto attendere l'evoluzione della situazione. «Sono andata a mie spese a fare le analisi in un centro privato, pagando profumatamente perché gran parte delle richieste non erano più in esenzione. La mia denuncia almeno servirà ad altri malati che come me, non possono rischiare di saltare un campionamento, perché le nostre malattie non vanno in ferie».

Esattamente il contrario da quanto ribadito dal governatore De Luca che da mesi invita i pazienti ad affidarsi per le analisi cliniche agli ospedali pubblici. Patrizia, sebbene si fosse affidata a tale servizio, si è sentita «tradita dalla sanità pubblica. Nessuno si è preso la briga di chiamare né tutti gli altri pazienti previsti, ma non solo: il secondo Policlinico, o un altro ospedale, non può chiudere per ferie. Come ci curiamo se non si riesce a gestire neanche il piano ferie del personale?». Che il problema di personale ci fosse, era emerso anche la settimana scorsa per un altro controllo: «Siamo rimasti in sala oltre un'ora alla preaccettazione prima che si palesasse qualcuno. Con noi pazienti c'erano solo le guardie giurate che purtroppo non sapevano dirci quando sarebbero arrivati».

Non appena abbiamo segnalato l'assurdo cartello «Chiusi per ferie» e la cessazione delle attività nei laboratori di analisi al neo direttore generale Giuseppe Longo, la risposta non si è fatta attendere. «Per me è prioritario trovare la soluzione a un problema posto agli utenti. Poi ci sarà tempo per capirne i motivi, la cosa importante è che abbiamo risolto un disagio e domani (oggi, ndr) tutto sarà come al solito perché il nostro compito è porre in continuità l'assistenza, che va garantita sempre. Abbiamo ristabilito la regolare attività». Pochi minuti e arriva la comunicazione ufficiale: «La direzione strategica dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II, insediatasi nella giornata di ieri, ha appreso in data odierna della temporanea sospensione delle attività del laboratorio analisi dedicato all'utenza esterna e ha provveduto alla risoluzione delle problematiche che ne impedivano la regolare attività. Da domani, il servizio riprenderà regolarmente e sarà attivo dal lunedì al venerdì, negli orari prefissati».

Ultimo aggiornamento: 16:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA