Pomigliano, discarica profonda come un palazzo di 6 piani sotto le ville dei boss

Sabato 25 Settembre 2021 di Pino Neri
Pomigliano, discarica profonda come un palazzo di 6 piani sotto le ville dei boss

A Pomigliano c'è una discarica di rifiuti enorme. Si trova occultata sotto il terreno. E' un ecomostro gigantesco, ampio quanto quattro campi di calcio e profondo quanto un palazzo di sei piani. Furono i camorristi a realizzarlo, tra il 1984 e il 1988, e furono sempre gli stessi camorristi a decidere di viverci sopra, realizzando le loro ville sulla superficie di quell'immonda bomba ecologica. Intanto il caso è esploso. La Regione ha inviato una richiesta ufficiale al Comune per mettere subito in sicurezza il sito. Ma i soldi per farlo non ci sono.

Il sindaco di Pomigliano, Gianluca Del Mastro, ha quindi avviato un dialogo con l'assessore regionale all'ambiente, il vicepresidente della giunta regionale Fulvio Bonavitacola. La super discarica si trova a masseria Castello, area al confine con Somma Vesuviana e con Castello di Cisterna, sulle pendici del monte Somma. Una zona che una volta era di pura campagna ma che adesso è parecchio abitata. L'invaso zeppo di rifiuti insiste su due appezzamenti, uno confiscato al clan Foria, dove gli stessi boss tentarono di costruire le loro, enormi, tre ville, rimaste a metà, e un altro, più vasto, ancora proprietà di un privato. Ma la matassa da sbrogliare è di quelle più che intricate.

La discarica ha un volume di 500mila metri cubi di scarti interrati fino a una profondità di venti metri e per un'ampiezza di quasi quattro campi di calcio (25mila metri quadrati). Sulla gigantesca discarica i boss della zona (il clan Foria) costruirono le loro ville, poi non completate perché nel frattempo furono confiscate dall'antimafia e infine consegnate al Comune. Intanto lo stesso Comune, nel 2018, voleva realizzare nell'area confiscata una comunità alloggio per anziani e degli orti urbani, vale a dire proprio sulla maxi discarica. Nel 2019 la municipalità ha anche avuto un finanziamento europeo di un milione e mezzo di euro per concretizzare il progetto. Però la nuova amministrazione, giunta al timone dell'ente nell'ottobre del 2020, ha accertato in via definitiva che l'area è inquinata dopo aver vagliato un accurato carotaggio.

Video

La Regione ha quindi ordinato l'immediata messa in sicurezza dell'intero sito per proteggere la falda acquifera. Ma l'allarme sussiste. Secondo le analisi nella zona sono stati superati i livelli consentiti di contaminazione da idrocarburi. Ieri intanto c'è stato un incontro sulla vicenda, alla Regione, con esponenti dell'amministrazione comunale. Ci sono vari ostacoli: il progetto della casa di riposo e degli orti è da rifare perché ci vogliono ingenti risorse per bonificare tutta l'area ma nel frattempo c'è il rischio che il finanziamento europeo vada perduto. Un altro aspetto che colpisce è che i camorristi dopo aver fatto riempire di rifiuti la cava vi hanno anche voluto costruire le loro case. Era il 1988, epoca in cui non c'era la piena consapevolezza della pericolosità delle discariche. Comunque il sindaco di Pomigliano è fiducioso. «Finalmente annuncia il primo cittadino - l'amministrazione comunale ha una visione per l'enorme discarica di masseria Castello. Siamo riusciti ad attivare un tavolo tecnico tra i nostri uffici, l'Arpac e la Regione Campania per arrivare a programmare un piano di caratterizzazione che permetterà, in tempi rapidi, la messa in sicurezza di tutta l'area.».

Ultimo aggiornamento: 26 Settembre, 08:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA