Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Femminicidio a Torre Annunziata, scarcerato prof in pensione che uccise la badante della sorella

Mercoledì 16 Febbraio 2022
Femminicidio a Torre Annunziata, scarcerato prof in pensione che uccise la badante della sorella

A distanza di due mesi da quel 15 dicembre è stato scarcerato Pellegrino Reibaldi, il professore di matematica in pensione di 81 anni che ammazzò nell'abitazione di via Gambardella a Torre Annunziata (Napoli) Maria Baran, 67 anni, la badante ucraina della sorella, convinto che la stessa non prestasse le dovute attenzioni alla congiunta.

Il giudice ha infatti accolto l'istanza presentata dal legale di fiducia dell'uomo e, vista una perizia medica, ha deciso che Reibaldi sia trasferito in una struttura sanitaria specializzata per la cura di patologie geriatriche. L'omicidio, come detto, avvenne il 15 dicembre, quando al culmine di una discussione con la sessantasettenne ucraina, l'uomo prese una pistola regolarmente detenuta in forza di un porto d'armi ad uso sportivo ed esplose quattro colpi che finirono la donna.

Video

Fu lo stesso Reibaldi a confessare agli inquirenti il delitto, spiegando che con la vittima erano frequenti le discussioni in merito in particolare al trattamento che la badante riservava alla sorella che presentava difficoltà di deambulazione.

Ultimo aggiornamento: 12:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA