Rapina a mano armata in un ristorante nel Vesuviano, choc tra i clienti: «Attivare piano anti-crimine»

Martedì 8 Marzo 2022
Rapina a mano armata in un ristorante nel Vesuviano, choc tra i clienti: «Attivare piano anti-crimine»

Ancora un assalto armato all‘interno di un ristorante nel napoletano. È accaduto il pomeriggio di domenica 6 marzo a San Sebastiano al Vesuvio. Arrivano due scooter con a bordo quattro persone dal volto travisato dal casco ed armati. Due restano fuori a fare da “palo”, gli altri due fanno irruzione nel locale puntando le armi verso gli astanti.

Lo denunciano alcuni alcuni cittadini che hanno segnalato l’episodio al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli. Questa volta però i rapinatori hanno lasciato perdere gli altri clienti poiché avevano un obiettivo preciso: il Rolex al valore di circa 20 mila euro di un imprenditore della zona che in quel momento si trovava lì.

«La gente non può passare neanche una giornata tranquilla con la propria famiglia che deve temere di ritrovarsi una pistola puntata in faccia, magari rivolta anche verso la testa di loro figlio come ad esempio accadde nella pizzeria di Casavatore lo scorso 9 ottobre dove dei malviventi fecero irruzione con fucili a pompa e kalashnikov. Oppure come è accaduto più recentemente al ristornate “Punto nave” di Monterusciello.

Il Prefetto deve attivarsi e studiare un piano anti-crimine che possa fermare questi banditi che agiscono non solo spinti dall’impulso ma anche con programmazione, come dimostra questo ultimo episodio. Qui, anche se non è stata mai dichiarata, c’è una guerra in corso, una guerra non voluta dalla cittadinanza ma portata avanti da criminali e camorristi. Lo Stato dove assolutamente vincerla», ha dichiarato Borrelli.

Ultimo aggiornamento: 12:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA