Sant'Agnello, libanese approfitta del lockdown per rapinare smartphone: preso

Mercoledì 25 Novembre 2020

 Approfittando della scarsa presenza in strada, afferra una ragazza per le braccia e le porta via il cellulare. Le urla della donna però fanno scattare la segnalazione ai carabinieri che in poco tempo risalgono all'autore della rapina. E' accaduto a Sant'Agnello , dove i carabinieri della stazione di Sorrento hanno arrestato in flagranza di reato un uomo di origine libanese di 26 anni. E' accusato di aver rapinato dello smartphone la donna.

LEGGI ANCHE Covid, nell'Asl Napoli 3 eseguiti 4mila tamponi nelle scuole: solo 14 i positivi

Secondo quanto ricostruito dai militari dell'Arma, attorno alle 21 di ieri, nella centralissima via Marion Crawford il ventiseienne si è avvicinato alla ragazza, l'ha afferrata per le braccia intimandole di restare in silenzio e consegnargli il telefonino. La giovane, nel tentativo di svincolarsi, ha chiesto aiuto gridando prima di consegnare lo smartphone. Dalle abitazioni circostanti qualcuno ha notato la scena e chiamato il 112. A questo punto la centrale operativa della compagnia dei carabinieri di Sorrento ha inviato sul posto due pattuglie. I militari hanno raggiunto la vittima, che ha fornito loro la descrizione del rapinatore e la direzione dove si era allontanato a piedi. Intuendo che il ladro si fosse diretto presso la vicina stazione della Circumvesuviana, i carabinieri si sono recati lì trovando il cittadino libanese vicino ai binari. Bloccato e perquisito, il ventiseienne è stato trovato in possesso del cellulare, poi restituito alla legittima proprietaria. L'uomo, dopo le formalità di rito, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza dell'Arma a disposizione della Procura di Torre Annunziata in attesa del rito per direttissima.

Ultimo aggiornamento: 20:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA