Sorbillo, Cafiero De Raho: «È quasi terrorismo camorristico»

«Propendo per un segnale diretto all'intero territorio, evidentemente anche al gruppo criminale contrapposto; un'indicazione chiara, da questo momento siamo noi presenti e ci muoviamo con questa strategia. E credo che lo Stato in un caso come questo, che è quasi di terrorismo camorristico, debba intervenire con tutte le proprie forze e impedire che vicende di questo tipo si ripetano». Così il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero De Raho, ha commentato l'esplosione di alcuni giorni fa davanti alla pizzeria Sorbillo, parlando a margine dell'incontro del Sabato delle Idee a Ponticelli per inaugurare il campetto di calcio donato alla scuola dalla Fondazione Santobono.
 

«Penso che iniziative così violente, così deflagranti possano essere espressione di un conflitto fra le nuove forze criminali, Utilizzare un ordigno esplosivo è un segnale di una novità. Da questo momento evidentemente si è aperta una nuova fase e dietro ad essa è possibile ipotizzare innanzitutto un conflitto sul territorio tra gruppi criminali»
Sabato 19 Gennaio 2019, 17:40 - Ultimo aggiornamento: 19-01-2019 18:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-01-20 09:44:28
Il procuratore antimafia Cafiero de Raho dichiara che si amo di fronte ad un fenomeno di terrorismo. Alla buon'ora. Lo sostengo e lo gridò da anni che si tratta di terrorismo e finalmente un alto esponente delle Istituzioni se ne rende conto. Adesso avanti a combattere la criminalità con le leggi antiterroridtiche.
2019-01-20 08:11:58
Ahahhahaaa questa non lavevo msi sentita ci metteva pure islamico
2019-01-19 17:56:15
Per la camorra utilizzare esplosivi "è un segnale di una novità"? Ma se è da quando esiste che la camorra utilizza bombe di ogni tipo per far pagare il pizzo.... ora se ne parla perché è stato colpita una pizzeria famosa ma se andiamo a fare la lista tutte le bombe e gli ordini esplosi davanti alle attività commerciali nell'ultimo anno a Napoli e provincia, non basterebbe un computer della NASA per eseguire la computazione.

QUICKMAP