Fuorigrotta, spara col mitra al cognato e fugge: parte un colpo, si ferisce da solo

Sabato 7 Settembre 2019 di Giuseppe Crimaldi
Ci sarebbero ruggini e incomprensioni legate ad un rapporto sentimentale dietro la folle sparatoria che oggi pomeriggio ha rischiato di trasformare in tragedia un tranquillo sabato nella zona tra Fuorigrotta e Bagnoli.

Poco dopo le 18 di oggi Salvatore Carandente, 21enne, è uscito di casa armato di un mitragliatore e con le idee già ben chiare: voleva dare una "lezione esemplare" al fratello della donna che frequenta. Il rapporto sentimentale era probabilmente mal digerito da quest'ultimo,Umberto Magrelli, 26 anni e figlio del titolare di un bar che si trova tra via Cattolica e via Campegna.

E proprio dinanzi al locale è iniziata una furiosa lite tra i due giovani, al culmine della quale l'aggressore, che era sceso da uno scooter guidato da un complice, ha iniziato a sparare: Magrelli è stato centrato da alcuni proiettili al fianco e ad un gluteo. Ricoverato in ospedale, viene operato in queste ore: le sue condizioni non sarebbero grave, anche se resta in prognosi riservata. 

Poco dopo, il colpo di scena. Al pronto soccorso si è presentato anche Carandente, con ferite di arma da fuoco: fuggendo sulla moto dopo aver commesso l'agguato ha fatto partire una seconda raffica di proiettili, ferendosi da solo ad un piede. Irrintracciabile il complice, che dopo aver abbandonato in piazza Neghelli il mezzo si è dato alla fuga.
  Ultimo aggiornamento: 22:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA