Choc in Campania, taglia le orecchie
al suo cane: denunciato 38enne

Martedì 7 Luglio 2020 di Nello Lauro
Una "barbara" usanza, vietata anche dalla legge. Quella di tagliare le orecchie (o anche la coda) ai propri cani per bellezza. Le guardie zoofile della Lipu insieme a quelle dll'Aisa, guidate dal coordinatore regionale Giuseppe Salzano, hanno scoperto e denunciato un 38enne di Cicciano per aver mozzato le orecchie al proprio cane, un America Staffordshire Terrier di 4 anni. L’uomo, ora, rischia da tre mesi a diciotto mesi di reclusione o una multa che va dai 5.000 a 30.000 euro.

LEGGI ANCHE Pantera tra Irpinia e Sannio, test Dna sui resti: «Forse è un cane»

Lo ha ribadito, con una sentenza pubblicata (la numero 4876 del 31 gennaio 2019), la terza sezione penale della Corte di Cassazione chiamata ad occuparsi della vicenda di un cane di razza meticcia cui, a Crotone, il proprietario aveva tagliato la coda “ per crudeltà e senza necessità “provocando, quindi,” un’apprezzabile diminuzione della originaria integrità dell’animale, determinando una menomazione funzionale dello stesso”.

Altri 5 cani privi dell’obbligatorio microchip sono stati trovati  nella disponibilità dell’uomo che, per tale omissione, pagherà 1000 euro. “Amputare i cani di orecchie e coda è un barbaro gesto che non deve mai più accadere – afferma Fabio Procaccini, delegato provinciale della Lipu  – non avremo alcuna pietà verso questi scellerati tagliatori di animali”.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA