Tangenziale di Napoli, il caso del viadotto: da domani sarà gratis

Giovedì 24 Ottobre 2019 di Paolo Barbuto

Ieri mattina, ben prima della missiva annunciata via social dal sindaco di Napoli, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, aveva già scritto a Tangenziale di Napoli: abolite il pedaggio.

La questione era sul tavolo del ministro già da un paio di giorni. Fino alla notte fonda di martedì, dirigenti ed esperti si erano alternati al tavolo della De Micheli alla ricerca della soluzione migliore per salvare i napoletani dal caos di una Tangenziale ristretta e trasformata in un budello.
 
Prima di inviare il documento ci sono stati costanti e serrati confronti con Tangenziale. La lettera contiene un invito ad abolire il pedaggio ma prima di rivolgere quell'invito, il Ministero ha dovuto avere certezze che fosse accettato.

LEGGI ANCHE Tangenziale di Napoli nella morsa del traffico, le voci degli automobilisti

In un primo contatto con Tangenziale, avvenuto proprio nella serata di martedì, c'erano state risposte severe da Napoli: se decidete di abolire il pedaggio dovrete darci i soldi che perdiamo.

Però la notte ha portato consiglio, e probabilmente anche certi dettagli del report sulla solidità del viadotto hanno contribuito a far cambiare idea a Tangenziale: dalla documentazione sembrerebbe palese che le criticità sono state generate da un evento ben chiaro per cui la richiesta di abolire il pedaggio può essere avanzata senza problemi e con un dettaglio che la lettera chiarisce con puntualità: per l'esenzione del pedaggio gli oneri saranno a carico della società.
 

 

Ma cosa succede al viadotto Capodichino? Venerdì scorso c'è stato un sopralluogo per la verifica della solidità del ponte e quella verifica ha consentito di scoprire importanti problemi alla struttura: sono stati scoperti punti in cui le infiltrazioni hanno corroso i giunti metallici e i bulloni che tengono assieme i vari pezzi del viadotto. Sicché l'immediata decisione è stata quella di ridurre il carico di automobili limitando la circolazione a due sole corsie per senso di marcia per alleggerire la struttura in crisi. Quelle limitazioni hanno generato caos sulla Tangenziale e l'eco della paralisi napoletana è giunta fino al tavolo del ministro De Micheli che si è attivata immediatamente.

Il Mattino ha potuto leggere in anteprima il contenuto della lettera inviata a Tangenziale di Napoli nella quale c'è una ricostruzione precisa della vicenda prima di arrivare alla richiesta conclusiva. Innanzitutto si ricordano le criticità del viadotto: «Si fa riferimento alla visita di sopralluogo eseguita in data 18 ottobre... Gli esiti delle verifiche, riscontrabili da apposito verbale, evidenziano la sussistenza di ammaloramenti e ossidazioni sulle superfici metalliche dei collegamenti delle diverse parti costituenti la struttura portante».

Poi si inquadra il caos del traffico: «L'infrastruttura è interessata da rilevanti volumi di traffico ed a servizio della viabilità urbana e la limitazione adottata determina un significativo disagio agli utenti... Tali disagi potranno ulteriormente accentuarsi in occasione delle prossime festività di inizio novembre determinando ripercussioni anche sulla viabilità urbana».

Infine si parla del pedaggio: «Stante l'eccezionalità della situazione... si chiede di voler valutare, come misura a favore dell'utenza, la possibilità di prevedere, con oneri a proprio carico, l'esenzione dal pedaggio per il tempo necessario alle attività di verifica», ma a quest'ultima richiesta il Ministero chiarisce che c'è già stata risposta, positiva, da parte di Tangenziale di Napoli.

Il pedaggio sarà cancellato, probabilmente a partire dalla giornata di venerdì.
 


Nel frattempo, ieri a Palazzo San Giacomo c'è stato un incontro fra il Comune (il capo di gabinetto Auricchio, gli assessori Clemente e Calabrese e il presidente della Commissione consiliare Nino Simeone) e la società rappresentata dall'amministratore delegato Riccardo Rigacci.

Incontro interlocutorio: Rigacci ha spiegato che in campo ci sono i più grandi esperti del settore i quali già stanno lavorando nella speranza di poter riaprire il viadotto in tempi brevi. Nuovo appuntamento, la prossima settimana, per fare il punto della situazione.

Ultimo aggiornamento: 22:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA