Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terra dei fuochi, la svolta di Giugliano: «Campo Rom presidiato, così zero roghi a ottobre»

Venerdì 29 Ottobre 2021 di Maria Rosaria Ferrara
Terra dei fuochi, la svolta di Giugliano: «Campo Rom presidiato, così zero roghi a ottobre»

«Stiamo per chiudere ottobre quasi a roghi zero perché l'80% degli incendi avveniva su questa fetta di territorio che ora è presidiata h24». Lo sottolinea, con orgoglio ma soprattutto con soddisfazione, l'assessore alla Terra dei fuochi del Comune di Giugliano, Tonia Limatola, nel corso di un soptralluyogo organizzato ieri al campo rom di via Carrafiello con l'incaricato del governo per il contrasto ai roghi, Filippo Romano, e rappresentanti dell'Esercito. L'amministrazione cittadina ha avviato un'operazione di rimozione rifiuti nell'insediamento abusivo che fino a qualche settimana fa è stato sottoposto alle misure stringenti della zona rossa a seguito di un focolaio Covid scoppiato al suo interno. Ieri il sopralluogo si è svolto tra un bilancio sul fronte roghi e rifiuti e l'avvio di attività compiute d'intesa con la comunità rom per spingerla ad abbandonare il campo e ad accettare la sistemazione in abitazioni. Per questa comunità è infatti partito il progetto Abramo, che prevede l'integrazione di circa 400 rom attraverso l'assegnazione di case, l'inserimento nel mondo scolastico dei minori e quello lavorativo degli adulti. Nell'accampamento risiedono oltre 200 minori. 

«Con la presenza h24 dei militari, che siamo riusciti a ottenere nonostante la fine della zona rossa, il fenomeno dei roghi tossici si sta finalmente tenendo sotto controllo», commenta Limatola: «È un risultato magari sfuggito alle persone perché abbiamo avuto altre emergenze come i miasmi, però è confortante. Con il controllo di questo pezzo di territorio, il fenomeno dei roghi è sotto controllo. Speriamo il presidio resti fino a che non diventerà concreto il progetto Abramo. Ma intanto il Comune sta rimuovendo i rifiuti e l'attività educativa che stanno svolgendo i militari sta dando importanti risultati». Il primo cittadino Nicola Pirozzi, già durante le settimane di zona rossa, aveva detto che con il presidio dei militari in zona i roghi in città erano spariti. Un fenomeno, quello degli incendi tossici a Giugliano, che riguarda la zona di Ponte Riccio come molte altre. La cittadinanza è ormai stanca e assuefatta e spesso, oltre a qualche foto sui social, capita che i roghi non vengono più neppure segnalati alle forze dell'ordine. Ieri sono stati rimossi diversi cumuli di rifiuti di ogni genere presenti nelle vicinanze dell'accampamento e alcuni operatori dei servizi sociali del Comune hanno effettuato una sorta di censimento volontario della popolazione. Censimento che le associazioni del progetto Abramo hanno già fatto nelle scorse settimane, quando hanno fatto firmare il patto ai capifamiglia che vogliono iniziare il percorso di integrazione. «È partita una rimozione straordinaria di rifiuti, è partito il censimento in vista del progetto Abramo, i rom stanno dando i loro dati ai nostri dipendenti comunali per cercare di realizzare il sogno di questa amministrazione, l'inclusione sociale - commenta il sindaco Pirozzi - Ci stiamo provando con grande forza. L'esercito sta facendo una grande opera di sensibilizzazione e speriamo di riuscire a migliorare le condizioni di vita loro e della mia città». 

Video

Le associazioni sono al lavoro da tempo e soprattutto sono alla ricerca di abitazioni da poter dare in affitto alle famiglie rom. Il primo passo per l'integrazione è proprio quello di stipulare contratti di fitto cosi che le famiglie potranno via via lasciare il campo abusivo di via Carrafiello. Ora si sta procedendo a verificare le residenze, i certificati vaccinali dei più piccoli, documenti e cittadinanze. Un percorso lungo e complesso, voluto e sostenuto anche dalla Regione Campania che finanzia il progetto con circa 900mila euro. La comunità di via Carrafiello è quella che negli anni ha subito più sgomberi e ora all'orizzonte si profila una vera e propria svolta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA