Tre indagati per la morte dell'operaio schiacciato dall'ascensore

Vincenzo Stassi, 25 anni, l'operaio morto nella tragedia
ARTICOLI CORRELATI
di Pino Cerciello

  • 328
SAN GIUSEPPE VESUVIANO – Ci sono tre indagati per la tragedia in cui ha perso la vita, un giovane operaio di Somma Vesuviana schiacciato ieri dall’ascensore che stava riparando in un condominio di via Gracchi. La procura di Nola ha iscritto nel registro degli indagati il titolare della ditta con cui lo sventurato lavorava, l’amministratore del condominio e un compagno di lavoro dello sfortunato operaio. La polizia di San Giuseppe Vesuviano sta effettuando un meticoloso controllo della struttura, dove il giovane lavoratore ha perso la vita. Secondo i primi rilievi è stato accertato che Vincenzo Stassi, 25 anni, di Somma Vesuviana, è rimasto schiacciato nella fossa dell’impianto dal contrappeso dell’ascensore. Inutile i tentati del compagno di lavoro e dei poliziotti immediatamente giunti sul luogo della tragedia che hanno tentato di aprire e sollevare il grosso peso con dei pali di ferro. Il giovane è stato poi tirato fuori dai vigili del fuoco quando non c’era ormai più nulla da fare. L'impianto è stato posto sotto sequestro giudiziario in attesa degli sviluppi delle indagini condotte dalla polizia in collaborazione con la Procura della Repubblica di Nola.
Domenica 28 Gennaio 2018, 12:40 - Ultimo aggiornamento: 28-01-2018 17:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP