Vermi nelle feci degli studenti alla scuola Gigante Neghelli: sos a Napoli

Giovedì 31 Ottobre 2019 di Attilio Iannuzzo
Vermi nelle feci degli studenti alla scuola Gigante Neghelli: sos a Napoli

Scatta la protesta delle mamme del plesso Carlo Collodi dell’Istituto Comprensivo Statale “53 Gigante Neghelli”, a causa di numerosi casi di vermi nelle feci degli studenti. La scuola dell’infanzia e secondaria si trova in via Luigi Rizzo a Cavalleggeri nel quartiere Fuorigrotta. Le mamme dell’Istituto lamentano la mancanza di igiene, motivo per il quale non hanno accompagnato oggi i loro figli a scuola.

LEGGI ANCHE  Topi a scuola, studenti in rivolta davanti al liceo don Milani di San Giovanni a Teduccio

«Vogliamo garanzie da parte dell’istituto – dice un comitato di mamme – inerenti all’igiene e alla sicurezza dei nostri figli». La richiesta dei genitori è quella di «disinfestare la scuola per evitare altri contagi» in quanto «l’Istituto comprensivo Gigante Neghelli è popolato da oltre 300 bambini e bisogna evitare che un eventuale virus spossa esplodere rapidamente se si è ancora in tempo». Sono numerosi i messaggi di protesta dei genitori, mandati alla pagina ufficiale facebook della scuola, la quale però risponde: «La pagina ufficiale dell’istituto Comprensivo Statale “53 Gigante Neghelli” ha lo scopo di informare le famiglie e il territorio sulle attività della scuola, qualsiasi invettiva o messaggio ingiurioso nei nostri confronti sarà cancellato».

«Questa è la scuola italiana, - scrive Rossella De Luise, una mamma - gestita in maniera pessima da chi pensa solo ad apparire e non ad agire. Una scuola che trabocca di problemi ma poi si pensa solo ai Pon, alla pallavolo, e a fare foto sulla pagina ufficiale di convegni ed attività varie, tutto ciò non va bene». A tutto questo va segnalata una grossa criticità riguardante i bagni: «I servizi igienici - continua Rossella - sono quasi tutti fuori uso, che se quei pochi che funzionano si sporcano ed i nostri bimbi per otto ore sono costretti a trattenerla o a farla nella più totale mancanza di igiene».

© RIPRODUZIONE RISERVATA