L'esperienza con la droga diventa
piece con i ragazzi di San Patrignano

Domani martedì 5 dicembre, alle 10, presso il teatro Mediterraneo, 800 studenti partenopei assisteranno allo spettacolo “Lo Specchio” del progetto di prevenzione WeFree, grazie al supporto di Sky Italia, in collaborazione con gli Assessorati alla Scuola, ai Giovani , alle Politiche Sociali del Comune di Napoli 

Uno spettacolo teatrale per raccontare il dramma della tossicodipendenza e quanto sia faticoso tornare a vivere, per parlare ai giovani di un problema che ben conoscono e che spesso sottovalutano. Il progetto di prevenzione «WeFree» della comunità San Patrignano approda a Napoli portando le testimonianze dei suoi ragazzi a circa 800 studenti della città. 

Melita, Martina e Gennaro (napoletano doc ritrovatosi proprio a San Patrignano), ragazzi che hanno concluso o che stanno terminando il percorso a San Patrignano, metteranno in scena «Lo Specchio, frammenti di una favol@cida», raccontando le loro esperienze ai giovani presenti. Storie che parlano di smarrimento, di cadute ma anche e soprattutto di una possibile rinascita, di una vita che può tornare ad essere libera dalle sostanze.

«Ci auguriamo di riuscire a coinvolgere i tanti ragazzi che saranno presenti – spiega Patrizia Russi, responsabile del progetto WeFree – Sul palco troveranno ragazzi poco più grandi di loro e sono convinta che si rivedranno nelle loro storie e nei loro atteggiamenti. Non abbiamo nessuna pretesa di insegnargli nulla, solo di farli riflettere su quello che è il loro stile di vita e fargli capire che nella vita c’è sempre una seconda possibilità».  

A rendere possibile l’evento Sky Italia, che quest’anno ha deciso di supportare concretamente l’iniziativa. Saranno presenti le assessore del Comune di Napoli Annamaria Palmieri (Scuola e Istruzione), Alessandra Clemente (Politiche Giovanili) e Roberta Gaeta (Politiche Sociali), che hanno fortemente voluto portare questo evento di prevenzione in città.

Subito dopo lo spettacolo ci sarà spazio per un confronto fra i ragazzi in sala, i protagonisti dell’esibizione e alcuni esponenti di associazioni del territorio partenopeo che si impegnano ogni giorno al fianco dei giovani. Fra questi Vito Pacelli, responsabile dell’associazione Amici di San Patrignano di Salerno, Antonio Mattone della Comunità Sant’Egidio, Emilia Leonetti dell’associazione Vivoanapoli e Annabella Marcello, dirigente dell’Itis Leonardo Da Vinci del quartiere di Poggioreale. 
Lunedì 4 Dicembre 2017, 11:02 - Ultimo aggiornamento: 04-12-2017 15:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP