Sorpresa: Italia prima in matematica ai Giochi matematici del Mediterraneo

Sabato 20 Luglio 2019 di Giuliana Covella
Sbaragliando Spagna, Turchia e Francia sono italiani i vincitori della sesta edizione dei Giochi matematici del Mediterraneo. Si chiamano Giovanni Micinero, 18 anni, di Vicenza; Roberto Tocco, 17 anni, di Palermo; Chiara Molinari, 19 anni, di Milano; Gaia Torresani, 18 anni, di Mantova. Accompagnati dal docente Lorenzo Mazza, del liceo scientifico Avogadro di Roma, hanno superato i concorrenti degli altri 16 Paesi partecipanti risolvendo un complicato test di geometria.
 
Uniti dalla lingua e dalla passione per i numeri, i giovani talenti si sono confrontati per quattro giorni con i coetanei venuti da tutto il mondo «perché la matematica - dicono all'unisono - è un linguaggio universale e ci ha permesso di sentirci uniti con studenti di altre nazioni al di là di lingua, religione ed etnia». Alla cerimonia finale hanno partecipato Carlo Sbordone, presidente comitato scientifico Accademia Pontaniana, Arturo De Vivo, pro rettore Federico II, e Rossella Paliotto, presidente Fondazione Banco di Napoli.

La competizione ha visto arrivare a Napoli, per la prima volta, studenti di 17 Paesi del Mediterraneo che, per quattro giorni, hanno partecipato alla sesta edizione del  Campionato matematico della Gioventù Mediterranea ovvero la Mediterranean Youth Mathematical Championship, che vede tra gli organizzatori l'Accademia Pontaniana e l'Università Federico II. Obiettivo principale è stato mettere a confronto studenti degli ultimi due anni delle superiori, per sviluppare atteggiamenti positivi verso lo studio della matematica, offrire opportunità di partecipazione e integrazione, valorizzare le eccellenze. La cerimonia di premiazione si è svolta nell'aula magna storica dell'ateneo federiciano ed ha visto assegnare la medaglia d'oro alla squadra dell'Italia, seguita da Spagna, Turchia e Francia, cui sono andati la medaglia d'argento e quella di bronzo assegnate agli studenti provenienti dagli altri 16 Stati che si affacciano sul Mediterraneo: Albania, Algeria, Bosnia Erzegovina, Cipro, Croazia, Egitto, Francia, Grecia, Libano, Malta, Marocco, Palestina, Slovenia, Spagna, Tunisia e Turchia.

Giovanni, Roberto, Chiara e Gaia hanno sfatato un luogo comune: secondo i risultati dei quiz Invalsi gli studenti italiani non sarebbero dei geni in matematica. Invece i vincitori dei Giochi matematici del Mediterraneo sono veri e propri cervelloni con la media del 10. «È una bella vittoria - dice Gaia - ma anche una grande esperienza. Siamo soddisfatti del risultato, perché eravamo una squadra molto affiatata e preparata». Per niente spaventati dal tipo di prove affrontate, gli allievi ricordano con entusiasmo quei momenti: «Abbiamo risolto problemi di vario tipo, algebra combinatoria, geometria e logica - aggiunge Roberto - abbastanza difficili e impegnativi, ma ce l'abbiamo fatta». Soddisfatto il docente Lorenzo Mazza: «I ragazzi sono stati bravissimi. Prima di un complicato test di geometria eravamo terzi, dietro Spagna e Turchia. Questa vittoria stravolge il dato delle prove Invalsi, dove gli studenti italiani sono risultati scarsi in questa materia». Ma cosa c'è nel futuro di questi giovani talenti? «Ci iscriveremo alla facoltà di Matematica - annunciano in coro - per scegliere poi la carriera universitaria. La matematica è un linguaggio comune, non legato agli Stati e universale. E in questi giorni ci ha unito». «Abbiamo offerto loro una cena sociale, con visita al museo dell'archivio storico e mini discoteca - dice Paliotto - questi ragazzi sono eccellenze di 17 Paesi venuti qui per una competizione meritocratica e noi come sempre siamo aperti all'inclusione». «L'Italia si è classificata al primo posto - commenta Sbordone - ciò dimostra che siamo un'eccellenza. Speriamo che, attraverso queste gare, i ragazzi possano trasmettere ai loro compagni l'amore per la matematica». © RIPRODUZIONE RISERVATA