Comunali a Napoli, Maresca visita il negozio di Scampia che ha denunciato le estorsioni dei clan

Martedì 8 Giugno 2021
Comunali a Napoli, Maresca visita il negozio di Scampia che ha denunciato le estorsioni dei clan

«Stare sotto il giogo e la minaccia non va bene. I camorristi da chi sanno che denuncia non si presentano più, diventano negozi dei guardi e quindi non ci vanno perché loro sono i codardi». Lo ha detto Catello Maresca, candidato a sindaco di Napoli nel corso della visita fatta oggi a una panetteria di Scampia i cui due titolari hanno denunciato gli esponenti dei clan che li volevano obbligare a comprare prodotti da loro.

«Li abbiamo denunciati - spiega Lucia, una dei titolari - volevano che comprassimo mozzarella, scatole per pizze, ci obbligavano a comprare prodotti scadenti, non a norma. Ci vennero a dire che dovevamo comprare dieci chili di mozzarella al giorno, dicendo che avremmo chiuso se non avessimo ubbidito. Abbiamo rifiutato tre volte e alla fine mi hanno danneggiato vetrine e saracinesche. A quel punto siamo andati a denunciarli ai carabinieri, quelle persone sono state arrestate e i carabinieri ci sono stati vicini».

Video

«Questa è una delle realtà complicate del quartiere - ha detto loro Maresca - molti hanno ancora paura, ma il vostro esempio deve proiettare le persone a uscire dalla paura. Spero che ci possa essere una rinascita dell'impresa anche nello spirito positivo, la legalità serve a creare sviluppo e lavoro. Dobbiamo lottare tutti i giorni, non è una battaglia facile, è dura e per questo bisogna stare qui e metterci la faccia». 

Ultimo aggiornamento: 9 Giugno, 08:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA