Piano di Sorrento, tre giorni dedicati Alla «Gente di mare»

Sabato 25 Settembre 2021
Mare

«Gente di Mare», a Piano la tre giorni dedicata a tradizione, innovazione e sostenibilità della risorsa mare.
Una tre giorni per parlare di mare, di "gente di mare", di antichi mestieri e future prospettive di una risorsa fondamentale per il territorio.
Si svolge a Piano di Sorrento, organizzato dal Comune su proposta del FLAG Approdo di Ulisse del Presidente Della Monica e con il supporto dell'Area Marina Protetta Punta Campanella, l'evento "Gente di mare", da ieri a domani. Ieri sera si è tenuto il primo incontro all'Antico Bagno Nettuno: si è parlato di pesca sostenibile, tradizione e innovazione. Il professore​ Giancarlo Spezie, oceanografo e consigliere del cda dell' Amp Punta Campanella, ha trattato dell'aspetto fisico dell'acqua e della biomassa. Con Antonino Miccio, direttore dell'Amp Regno di Nettuno, si è discusso di corretta gestione della risorsa, tra fruizione e conservazione. Spazio anche ai pescatori, come Mario Gargiulo che ha parlato dei problemi che affliggono attualmente questa antica professione e della necessità di nuove norme per garantire un ritorno dei giovani a questo antico mestiere.
La naturalista Carmela Guidone dell'Amp Punta Campanella, ha moderato il dibattito, invitando tutti ad orientarsi, nei consumi, verso le specie più abbondanti e a chilometri zero per permettere alle specie più vulnerabili e minacciate di potersi riprodurre e ripololare.
La serata si è conclusa con un cooking show ad opera dello chef dell'Antico Bagno Nettuno che, insieme a Francesca Fontana, ha evidenziato le caratteristiche del pesce azzurro, attraverso il gusto dei piatti preparati, tra cui alici imbottite in pastella e fusilli con lampuga in salsa di zucchine.
La tre giorni "Gente di Mare" proseguirà oggi e domani con la mostra sulla marineria della Penisola Sorrentina presso l'Istituto Nautico "Nino Bixio" e con una lettura narrata dei miti del territorio sulla splendida terrazza di Villa Fondi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA