Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

“Le mille e una Napoli'': al Trianon Viviani in scena le villanelle napoletane

Lunedì 16 Maggio 2022
“Le mille e una Napoli'': al Trianon Viviani in scena le villanelle napoletane

Al teatro Trianon Viviani, proseguono gli appuntamenti tematici de “Le mille e una Napoli”, ciclo di racconti-concerti, inserito nell’ambito delle Conferenze cantate. Le conversazioni-concerto, nate da un'idea del direttore artistico Marisa Laurito, tra canzoni, aneddoti e poesie, vogliono narrare il fascino del capoluogo partenopeo.

Il sesto appuntamento si terrà Mercoledì 18 maggio alle 21 ed è dedicato alle villanelle: in scena, oltre agli ideatori del format Francesca Colapietro, voce, e Mariano Bellopede al pianoforte con arrangiamenti musicali, ci saranno Luigi Fiscale al basso e contrabbasso, Marco Fazzari alla batteria. I testi del progetto sono di Carmine Borrino, la voce fuori campo di Gino Curcione e come special guest della serata presenzierà Lello Giulivo.

La sesta conferenza cantata vedrà protagonista la canzone villanesca, forma profana e popolare, nata in Italia nella prima metà del XVI secolo. Questo genere comprende soprattutto brani di autori anonimi, perché nasce dall'inventiva del popolo, ma non per questo essa non si lega alla musica colta. Al genere contribuirono anche autori fiamminghi che giravano per le corti europee, tra cui Roland de Lattre (conosciuto come Orlando Di Lasso), autore della famosissima villanella “Sto core mio”. Nel percorso musicale della serata, oltre alle classiche villanelle come “Madonna tu me fai tu scorucciato”, “Villanella ch'all'acqua vai”, “No police m'he entrato nella recchia”, si ricostruirà come il genere abbia influenzato grandi autori, tra cui Gesualdo da Venosa, e come abbia condotto alla nascita della Canzone Napoletana.

Video

Oltre alla musica, saranno presentati al pubblico momenti di approfondimento tematici, dando spazio al raffinato epistolario tra Torquato Tasso e Montevedi. Non mancherà il riferimento ai cunti del Pentamerone di Basile, profondamente influenzato dalle composizioni popolari. Lello Giulivo, cant-attore, esperto di villanelle, darà il proprio contributo artistico alla serata.

Ultimo appuntamento de “Le Mille e una Napoli”, il 26 maggio, con la conferenza dedicata al tema dell’ironia nella canzone napoletana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA