Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, l'applauso a Insigne segnale per il futuro

Lunedì 16 Maggio 2022 di Francesco De Luca

La domenica di Insigne è stata anche la domenica del Napoli. Giustamente. Gli applausi per il capitano che ha deciso di andare via come per i suoi compagni e il loro allenatore. Tutti insieme hanno centrato l’obiettivo Champions, arrivando al terzo posto e staccando la Juve. Questa giornata, vissuta con emozione dai cinquantamila presenti allo stadio Maradona, deve essere uno spunto per il futuro: Napoli e il Napoli devono procedere nella stessa direzione perché è questo l’unico modo per affrontare con le medesime ambizioni la prossima stagione.

Dopo la sconfitta ad Empoli, maturata in assurde circostanze, vi è stata delusione forte e comprensibile. Meno la reazione all’esclusione dalla lotta scudetto che si è vista in occasione della partita col Sassuolo, con la parziale contestazione a Fuorigrotta che ha indispettito l’allenatore. Si sono accesi qui e là fuochi in città, con l’esposizione di striscioni offensivi. Per il terzo posto, per il ritorno del Napoli in Champions League? Ci sembra una forzatura. C’è da tempo un fronte ostile nei confronti di De Laurentiis, che da tempo ha messo da parte slogan e promesse di scudetto. Ieri ne è uscito uno che lo invitava al silenzio. Ma questa è stata la stagione in cui ha parlato meno: lo ha fatto dopo Empoli, quando è sceso letteralmente in campo a Castel Volturno affiancando Spalletti e i giocatori per compattare l’ambiente, sopperendo alla carenza di alcune figure all’interno del club. Dai risultati alle operazioni di mercato tutto deve essere analizzato con serenità e questo terzo posto è un piazzamento importante, come ha sottolineato anche ieri l’allenatore, dopo la grande emozione provata per l’addio di Insigne. Che resta nella storia del Napoli e ha meritato questa festa ma adesso bisogna voltare pagina. Anche partendo da questo tributo, da questa festa popolare. I cinquantamila devono diventare una piacevole abitudine per Spalletti e il Napoli che verrà. È quell’ambiente di ieri pomeriggio, così carico di entusiasmo, che vorremmo rivedere nelle prime partite della prossima stagione.

Le fortune di una squadra sono fatte dalla bravura del suo allenatore e dei suoi giocatori e dalla forza della sua società ma anche dal pubblico e dalla sua capacità di schierarsi sempre dalla parte di chi indossa quella maglia. I pregiudizi e le offese non portano lontano. Si è visto a Roma, dove la città giallorossa si è stretta intorno a Mourinho e ha accompagnato alla finale di Conference League la squadra. Quella che, a 90 minuti dalla fine del campionato, ha per inciso 16 punti in meno del Napoli. 

Ultimo aggiornamento: 06:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA