La politica del rumore e il governo del silenzio

Martedì 2 Marzo 2021 di Mario Ajello

Lo spettacolo del potere scade spesso nella fiction. O nello storytelling (oddio, che parolaccia!). O nell’esibizione narcisistica di chi regge il governo. Nulla di tutto questo si è registrato in occasione del primo Dpcm della nuova stagione e nella maniera in cui è stato illustrato. L’assenza di Mario Draghi nella conferenza stampa di ieri sera è un segno di rispetto istituzionale.

È il segno di una concezione non personalistica della...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 3 Marzo, 07:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA