Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sorrento, recuperato un giovane gabbiano in difficoltà sugli scogli della regina Giovanna

Giovedì 1 Luglio 2021
Salvataggio

Dopo diverse segnalazioni i volontari del Wwf sono riusciti in serata a recuperare un giovane gabbiano in difficoltà sugli scogli della Regina Giovanna. Erano diversi giorni che il giovane gabbiano nuotava nella baia spostandosi tra il Capo di Sorrento e la Pignatella. L'esemplare ha una brutta frattura all'ala. Domani verrà portato al CRAS il Frullone di Napoli dagli attivisti Wwf per le cure del caso.

«Riceviamo in questi giorni di inizio estate decine di telefonate per rinvenimenti di pullus e nidiacei in difficoltà - spiega Claudio d'Esposito, presidentedel Wwf Terre del Tirreno -. Quello che ci rattrista è il constatare come lo Stato, a cui è delegata la tutela della fauna selvatica protetta, sia assente. Nonostante l'emendamento di legge a firma dell'onorevole Carmen Di Lauro (M5S), che abbiamo accolto con entusisamo, che destinava nuove risorse economiche proprio per il trasporto e la cura degli animali selvatici ai CRAS, in Penisola Sorrentina nessuno degli enti e delle forze dell'ordine preposte è attualmente disponibile per trasportare e salvare specie protette in difficoltà. Ancor meno se si tratta di "gabbiani" che vengono considerati animali di "serie B". Eppure sulla nostra costa e all'interno dell'Area Marina Protetta Punta Campanella vive e nidifica il gabbiano corso considerato una specie particolarmente protetta. Il Gabbiano corso è una specie nei confronti della quale sono previste misure speciali di conservazione per quanto riguarda l’habitat. La tutela della fauna, patrimonio indisponibile dello stato, è ancora una volta vergognosamente lasciata al buon cuore e all'iniziativa di associazioni e volontari che, nei limiti delle loro possibilità, a proprie spese e a proprio rischio e pericolo, continuano a coordinare e gestire il recupero di animali in difficoltà e bisognosi d'aiuto!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA