Alberto Clementi, il campione di body building morto a 49 anni stroncato da una overdose. L'autopsia

Domenica 24 Gennaio 2021

Alberto Clementi, l'ex campione di bodybuilding morto a 49 anni nella notte tra l'11 e il 12 dicembre scorso, è stato stroncato da un'overdose di cocaina. Lo hanno accertato gli esami tossicologici disposti dalla Procura di Pordenone. A riportare la notizia è Il Gazzettino, che ricostruisce la dinamica della morte del culturista e riferisce gli esiti dell'autopsia. 

 

LA MORTE

 

Alberto Clementi si sentito male nel bagno di casa di un'amica che lo ospitava da circa un mese nella cittadina di Caorle. È stata proprio la donna a trovarlo seminudo sul water e con sangue alla bocca e al naso dopo aver forzato la serratura della porta chiusa a chiave. Sul piano della lavatrice è stata trovata della polvere bianca. 

L’AUTOPSIA

 


L’autopsia eseguita dall’anatomopatologo Antonello Cirnelli, su incarico dell’autorità giudiziaria, aveva evidenziato alla base dell’arresto cardiocircolatorio una vasta emorragia che non ha lasciato purtroppo scampo al 49enne. Nell'appartamento erano stati ritrovati anche diversi farmaci e integratori, da qui l'esigenza di capire cosa fosse stato a provocare la morte. 


 

Ultimo aggiornamento: 13:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA