Firenze, automobilista “assolto” per gli accessi seriali in Ztl (da gennaio a maggio): pagherà solo la prima multa. La decisione del giudice

"La notifica dopo mesi dall’infrazione, seppur legittima, impedisce al conducente di rendersene conto tempestivamente e interrompere subito le infrazioni", i consigli del presidente di Aduc

Firenze, automobilista assolto per gli accessi seriali in Ztl (da gennaio a maggio): pagherà solo la prima multa. La decisione del giudice
Firenze, automobilista “assolto” per gli accessi seriali in Ztl (da gennaio a maggio): pagherà solo la prima multa. La decisione del giudice
Mercoledì 30 Novembre 2022, 11:02 - Ultimo agg. 11:14
3 Minuti di Lettura

Ha ripetutamente varcato una porta telematica Ztl eppure dovrà pagare solo una multa, la prima che gli è arrivata. «Le infrazioni non sono state immediatamente contestate e il ricorrente si è quindi reso conto di aver commesso una infrazione soltanto dopo aver ricevuto la notifica di tutte le infrazioni commesse nei mesi da gennaio a maggio 2022. Pertanto, seppure le notifiche sono state tempestive ai sensi dell’art.201 c.d.s., si ritiene che in questo modo non sia stata esercitata la funzione educativa della sanzione quanto piuttosto quella punitiva. Ne consegue che i verbali impugnati vadano annullati ad eccezione del primo in ordine di tempo, con condanna del ricorrente alle spese di notifica di tutti i verbali di accertamento. Sussistono giusti motivi per compensare le spese del giudizio».

Multe, aumenti del 10% dal 2023: verbali più cari dal divieto di sosta alla guida con cellulare. Ecco perché

Firenze, automobilista assolto per gli ingressi seriali in Ztl

È questa la sentenza del giudice di pace di Firenze, Sonia Salerno, che ha dato ragione a un'automobilista sbadato. A riportare la notizia data dall'Aduc, è La Nazione. Anche se la notifica arriva nei termini della legge, una contestazione non immediata di un’infrazione fa venire meno la "funzione rieducativa" che dovrebbe avere una contravvenzione. Ecco perchè l'automobilista pagherà soltanto la prima di quella lunga serie di verbali che si è visto arrivare a casa nei 90 giorni successivi all’infrazione.

Roma, stop agli Euro 3: da martedì scatta il blocco. Nel 2023 arrivano i varchi

I consigli di Aduc

«Nel 2022 - commenta il presidente di Aduc Vincenzo Donvito - questo tipo di multe sono arrivate a più di 400mila persone, con un aumento del 620% rispetto ad un anno fa. La notifica dopo mesi dall’infrazione, seppur legittima, impedisce al conducente di rendersene conto tempestivamente e interrompere subito le infrazioni. Risultato: una caterva di multe da mandare sul lastrico persone e famiglie che nella maggior parte dei casi passavano e ripassavano da lì per andare al lavoro e che, se avvisati in tempo, mai avrebbero continuato a farlo. Per tutti i casi di multe seriali, autovelox, ztl e corsie preferenziali, abbiamo consigliato ai malcapitati di ricorrere al giudice di pace. Anche se non vi è una specifica norma del Codice della strada - conclude Donvito -, in questi casi si può chiedere un giudizio di equità, magari pagando una sola multa ed eventuali costi di notifica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA