Processo sangue infetto, assolti Poggiolini e gli altri imputati: «Il fatto non sussiste»

ARTICOLI CORRELATI
di Giovanni Del Giaccio

9
  • 8106
Assolti. Dopo oltre venti anni Duilio Poggiolini, l’ex re Mida della sanità italiana e altri otto tra amministratori e dirigenti di aziende farmaceutiche, non sono colpevoli di aver causato decessi attraverso l’immissione sul mercato di farmaci emoderivati realizzati con sangue di dubbia provenienza. «Il fatto non sussiste».

Sangue infetto, risarciti con 2,7 milioni di euro i familiari di due donne di Latina

Si chiude al Tribunale di Napoli una vicenda iniziata a Trento, in parte chiusa, in parte arrivata fino a oggi tra eccezioni e rinvii. Il pubblico ministero Lucio Giugliano aveva chiesto l’assoluzione e a nulla sono valse le tesi delle parti civili, sostenute dagli avvocati Stefano Bertone ed Ermanno Zancla.
 


A nulla sono valse le accuse di colpa generica e specifica per avere sottovalutato le misure di prevenzione che la comunità internazionale imponeva già all’inizio degli anni ‘90. A nulla è valso sostenere che Poggiolini, allora direttore generale del servizio farmaceutico, attraverso omissioni, agevolazioni, autorizzazioni, avesse secondo il capo di imputazione favorito le aziende Sclavo e Farmabiagini. I farmaci, vennero prodotti e rimasero in commercio anche dopo che ci si rese conto della loro pericolosità per la comunità degli emofilici, praticamente distrutta dai medicinali indicati come salvavita.

Gli emofilici, i quali hanno difetti della coagulazione del sangue, hanno contratto il virus Hiv – quello che porta all’Aids – oppure le diverse forme di epatite. Quando non i diversi virus insieme a causa di emoderivati che, invece, promettevano di fornire proprio il “fattore ottavo”, quello mancante in caso di emofilia. Secondo l’accusa quando – nel 2005 – cadde l’ipotesi di epidemia  epidemia colposa con la contestuale imputazione per omicidio colposo plurimo e lesioni aggravate «in relazione alla nuova iscrizione tuttavia non sono state effettuate nuove specifiche indagini». Dopo tre ore di camera di consiglio il giudice Luigi Palumbo ha pronunciato la sentenza.

L'avvocato difensore
L’avvocato Luigi Ferrante, difensore del professore Duilio Poggiolini, esprime« viva soddisfazione» per la sentenza di assoluzione perché il fatto non sussiste, emessa dal Tribunale di Napoli.

Il legale sottolinea  «con amarezza, che nonostante fosse chiarissima la normativa in questione, che riferiva la responsabilità dei controlli sugli emoderivati ad Organi ed Istituzioni diverse dalla Direzione Generale del Servizio Farmaceutico, siano stati necessari ben 23 anni per liberare il proprio assistito da una così pesante contestazione».
Lunedì 25 Marzo 2019, 15:16 - Ultimo aggiornamento: 26 Marzo, 07:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2019-03-25 23:04:30
Da noi i funzionari strapagati per controllare non fanno il loro dovere, causano danni ingenti e non ne rispondono mai. Ma quale paese correbbe investire da noi con questo scenario?
2019-03-25 21:44:30
il tempo svia anche le colpe
2019-03-25 18:54:53
Mai un colpevole! Adesso noi lo dovremo anche risarcire.
2019-03-25 18:24:36
r quindi chi è il colpevole, forse i poveri pazienti???
2019-03-25 17:52:38
Non se ne può proprio più,ormai,in generale,forse avremo un colpevole solo se si trova con la pistola fumante in mano e se non è emotivamente disturbato.

QUICKMAP