Padova, sequestrata e violentata per giorni dall'amico conosciuto su Fb: 22enne salvata dai carabinieri

Lunedì 2 Dicembre 2019

ABANO -  Ha segregato una donna in casa per dieci giorni, violentandola e picchiandola: i Carabinieri della Compagnia di Abano Terme hanno arrestato Peter Chiebuka, nigeriano di 26 anni, richiedente asilo. La vittima è una cittadina 22enne della Repubblica Ceca. Stando alla denuncia, i due si erano conosciuti su Facebook oltre un anno fa. La ragazza il 19 novembre scorsa ha preso un treno ed è venuta a Padova per conoscerlo. Lui l'ha chiusa nella casa dove risiede a Tribano e l'ha violentata per 10 giorni.

Ana uccisa dall'amante, la confessione choc: «L'ho accoltellata alla pancia, poi l'ho finita con un bastone»

È stata la ragazza a chiedere aiuto: la vittima è entrata in possesso del suo cellulare per qualche secondo e ha chiamato un amico in Francia per dare l'allarme. Quest'ultimo ha avvisato la questura di Padova che ha localizzato il cellulare a Tribano. Il blitz dei carabinieri ha permesso la liberazione della donna, alla quale lo straniero ha anche rubato 2000 euro.

I carabinieri hanno arrestato in flagranza un 26enne nigeriano, Peter Chiebuka, per sequestro di persona: la vittima è una giovane di 22 anni.

 

Ultimo aggiornamento: 16:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA