Uccide donna incinta e porta via il feto, condannata a morte

Sabato 17 Ottobre 2020
Donna malata di mente uccide una donna incinta e le ruba il bambino, condannata alla pena di morte

Condannata per aver strangolato a morte una donna incinta, aver tagliato il suo corpo e rapito il suo bambino dovrebbe essere la prima detenuta messa a morte dal governo degli Stati Uniti in quasi 70 anni, ha comunicato il Dipartimento di Giustizia. Lisa Montgomery sarà giustiziata per iniezione letale l'8 dicembre presso il Federal Correctional Complex di Terre Haute, Indiana. Sarebbe il nono detenuto federale condannato a morte da quando il Dipartimento di Giustizia ha ripreso le esecuzioni a luglio dopo una pausa di quasi 20 anni. Montgomery è stata condannata per aver ucciso Bobbie Jo Stinnett, 23 anni, nella città di Skidmore, nel nord-ovest del Missouri, nel dicembre 2004. Lo riporta il Telegraph.


Montgomery ha guidato dalla sua casa nel Kansas alla casa della signora Stinnett a Skidmore con il pretesto di adottare un cucciolo di rat terrier, hanno detto i pubblici ministeri. Quando è arrivata a casa, Montgomery ha usato una corda per strangolare la signora Stinnett, che era incinta di otto mesi, ma la signora Stinnett era cosciente e cercava di difendersi mentre Montgomery usava un coltello da cucina per tagliare la bambina dall'utero, hanno detto le autorità. I pubblici ministeri hanno detto che Montgomery ha rimosso la bambina dal corpo della signora Stinnett, l'ha portata con sé e ha tentato di far passare la ragazza come sua. Gli avvocati di Montgomery hanno affermato che soffriva di deliri quando ha ucciso la signora Stinnett, ma una giuria ha respinto la sua difesa. I suoi avvocati hanno anche affermato che soffriva di gravidanza isterica.

Il suo avvocato, Kelley Henry, ha detto che Montgomery meritava di vivere perché è malata di mente e ha subito abusi durante l'infanzia. «Lisa Montgomery ha da tempo accettato la piena responsabilità del suo crimine e non uscirà mai di prigione», ha detto la signora Henry in una dichiarazione. «Ma la sua grave malattia mentale e gli impatti devastanti del suo trauma infantile rendono l'esecuzione di lei una profonda ingiustizia».

I gruppi contro la pena di morte affermano che il presidente Donald Trump sta spingendo per le esecuzioni durante la stagione elettorale nel tentativo di lucidare una reputazione come leader della legge e dell'ordine. Prima della ripresa delle esecuzioni quest'estate, le autorità federali avevano giustiziato solo tre prigionieri nei 56 anni precedenti.

Ultimo aggiornamento: 22:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA