Gabby Petito morta, i post inquietanti del fidanzato Brian Laundrie: «Non troverà mai un uomo dolce come me»

Mercoledì 22 Settembre 2021
Gabby Petito è morta, autopsia conferma che il corpo ritrovato è della blogger 22enne: «È stata uccisa»

«Non cercare di trovarmi». «Finalmente fuori dalle grinfie del mio padrone». Questi alcuni dei post misteriosi apparsi sul profilo Pinterest di Brian Laudrie, fidanzato di Gabby Petito, sui quali sta indagando la polizia. Le forze dell'ordine avrebbero rinvenuto anche una cartella intitolata "Things To Burn Off" piena di immagini di tatuaggi, la maggior parte delle quali raffiguaranti demoni, angeli della morte. Intanto, un medico legale ha confermato che il corpo rinvenuto domenica nella Bridger-Teton National Forest, in Wyoming, è quello di Gabby Petito. Lo ha annunciato l'Fbi, spiegando che l'ipotesi più probabile è che sia stata uccisa.

Gabby Petito morta durante un viaggio con il fidanzato, un testimone chiamò il 911: «La sta schiaffeggiando»

I post misteriosi

In una foto di tatuaggi ritrovata sul profilo Pinterest del fidanzato di Gabby Petito si legge: «Dottore, voglio morire dignitosamente». Trovata poi anche la foto di una donna con un tatuaggio sulla schiena con su scritto: «Sono l'eroe di questa storia. Non ho bisogno di essere salvato». Il senso delle citazioni rimane molto misterioso, ma forse potrebbero celare il tentativo di far arrivare a qualcuno un messaggio.

In un altro post intitolato "The Opposite Of Lost" si legge «Non cercare di trovarmi. Sono finalmente sfuggito alle grinfie del mio padrone» poi, al di sotto dell'immagine, vi sono delle nuvole viola e rosa e poi ancora lo stesso post continua: «Agli altri dico: unisciti a me. Mordi la mano che ti nutre. Vive la liberté».

Il mistero della cartella "My Heart"

Vi sono poi altri elementi nascosti da Laundrie in una cartella rinominata "My Heart" dove gli inquirenti hanno ritrovato una foto di un cuscino ricamato e la didacalia «mi dispiace per quello che ho detto mentre stavamo cercando di parcheggiare il camper». Tra gli altri post vi è anche una frase tratta dal film «Fight Club»: «Solo dopo aver perso tutto siamo liberi di fare qualsiasi cosa». Infine un post particolarmente inquietante rintracciato sempre all'interno del profilo del fidanzato di Gabby Petito che mostra una lapide con su scritto "il mio bambino" e all'interno dell'immagine la frase più inquietante di tutte: «Non troverà mai un uomo dolce come me. Lasciala andare, lasciala andare, Dio la benedica, ovunque si trovi».

L'ultima volta l'accesso cinque settimane fa

Stando ai rilievi effettuati dalla polizia l'account di Brian Laudrie è stato utilizzato per l'ultima volta cinque settimane fa e l'ultimo post è quello di un disegno di una scatola di fiammiferi con su scritto: «Bruciato». Citazione del libro «Burnt Out: How To Cope With Autistic Burnout».

L'autopsia

È di oggi la notizia anche che il medico legale ha confermato quello che il corpo rinvenuto domenica nella Bridger-Teton National Forest, in Wyoming, è quello della ragazza di 22 anni scomparsa mentre era in viaggio con il fidanzato l'11 settembre, Gabby Petito.  Per l'Fbi l'ipotesi più probabile è quella che si stata uccisa. «Il medico legale della contea di Teton, il dottor Brent Blue, ha confermato che i resti sono quelli di Gabrielle Venora Petito, data di nascita 19 marzo 1999», scrive l'agenzia federale su Twitter. «La determinazione iniziale del dottor Blue sulla modalità della morte è omicidio. La causa della morte rimane sospesa in attesa dei risultati finali dell'autopsia».

Gabby Petito morta tra i canyon, sparito il fidanzato: tutti i misteri del caso che ha sconvolto gli Stati Uniti

Attraverso il proprio legale, la famiglia di Brian Laundrie, il fidanzato della ragazza morta, ha espresso le proprie condoglianze: «Che Gabby riposi in pace». Il 23enne è sparito il 14 settembre, dopo essere rientrato a casa dalle vacanze senza la fidanzata. Le ricerche sono in corso nella vasta area del Carlton Reserve, in Florida, dove pare si sia diretto prima di sparire nel nulla.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 23 Settembre, 10:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA