LA GIORNATA

Guerra Ucraina diretta. Telefonata Tajani-Blinken: avanti sostegno a Kiev

Guerra Ucraina diretta
Guerra Ucraina diretta
Lunedì 24 Ottobre 2022, 09:15 - Ultimo agg. 25 Ottobre, 10:08

Russia: uso di bombe sporche da Kiev è terrorismo nucleare

La Russia intende sollevare domani al Consiglio di Sicurezza Onu la sua accusa secondo cui l'Ucraina sta pianificando un attacco con «bombe sporche» e ha esortato il segretario generale Guterres a fare tutto il possibile per «impedire che questo atroce crimine avvenga». «Considereremo l'uso delle bombe sporche da parte del regime di Kiev come un atto di terrorismo nucleare», ha scritto l'ambasciatore di Mosca alle Nazioni Unite Vassily Nebenzia in una lettera a Guterres e al Consiglio di sicurezza.

Usa: sosterremo Kiev ma non entreremo in guerra contro la Russia

Gli Stati Uniti sosterranno l'Ucraina ma non entreranno in guerra. Lo ha ribadito il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price. «Saremo a fianco dell'Ucraina» ma come ha più volte detto il presidente Joe Biden gli Stati Uniti «non entreranno in guerra. La cosa più importante che possiamo fare è offrire sostegno» in modo che Kiev possa sedersi a un eventuale tavolo delle trattative in una posizione di forza. «Non c'è nessun cambio nella posizione americana - ha aggiunto Price -. Il presidente è stato chiaro: non entreremo, e non cercheremo di entrare in guerra con la Russia».

Usa: ci saranno conseguenze se Russia usa bomba sporca

Ci saranno conseguenze se la Russia usa la «bomba sporca» o qualsiasi altra arma nucleare. Lo ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price, sottolineando che la guerra in Ucraina finirà solo tramite le diplomazia ma questo richiede che tutte e due le parti siano «pronte» a impegnarsi. «Al momento - ha aggiunto - abbiamo sentito i partner ucraini dire che la guerra finirà con la diplomazia e il dialogo. Non abbiamo sentito nulla da Mosca sul fatto che siano pronti in buona fede a impegnarsi alla diplomazia e al dialogo».

Questa sera un ordigno è esploso sui binari della ferrovia tra l'insediamento di Novozybkov e la stazione di Zlynka nell'oblast di Bryansk in Russia, causando danni ai binari. Lo ha annunciato il governatore Alexander Bogomaz sul proprio canale Telegram. Non si registrano feriti, aggiunge, i servizi di emergenza sono sul posto.

Telefonata Tajani-Blinken: continua il sostegno a Kiev

Il ministro degli Esteri Antonio Tajani ha avuto un colloquio telefonico con il segretario di Stato Usa Antony Blinken. Nel confermare l'assoluta priorità che l'Italia attribuisce al rapporto con gli Stati Uniti - riferisce la Farnesina - Tajani ha espresso la volontà di approfondire ulteriormente le eccellenti relazioni bilaterali. I due hanno convenuto circa l'importanza di continuare a lavorare insieme per assicurare pace e giustizia in Ucraina, garantendo continuo sostegno a Kiev e mantenendo un atteggiamento di massima fermezza nei confronti della Federazione Russa.

«Da parte di entrambi - si legge nella nota della Farnesina - è stato confermato l'impegno a qualificare l'efficace cooperazione e lo stretto coordinamento sul piano bilaterale, in ambito NATO, G7 e delle relazioni UE-USA, per promuovere la sicurezza euro-atlantica e sostenere il multilateralismo e l'ordine internazionale fondato sulle regole».

Stoltenberg a Usa e Gb: false le accuse di Mosca su bomba sporca

«Ho parlato con il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin e con il ministro della Difesa britannico Ben Wallace delle false affermazioni russe, secondo cui l'Ucraina si starebbe preparando a usare una bomba sporca sul proprio territorio». Lo scrive il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, secondo cui «gli alleati respingono questa accusa. La Russia non deve usarla come pretesto per l'escalation. Rimaniamo fermi nel nostro sostegno all'Ucraina».

Colloquio tra i capi delle forze armate russe e usa sulla "bomba sporca"

Il capo di stato maggiore delle forze armate russe, Valery Gerasimov, ha avuto una conversazione telefonica con il suo omologo americano Mark Milley in merito al possibile ricorso da parte dell'Ucraina all'utilizzo di una bomba sporca, secondo quanto fa sapere il ministero della Difesa di Mosca citato dalle agenzie russe.

Zelensky: "Putin aiuterà l'Iran con il programma nucleare"

La vendita di droni suicidi dall'Iran alla Russia non sarebbe avvenuta se Israele non avesse scelto di «restare neutrale nel conflitto». Lo ha detto il premier ucraino Volodomyr Zelensky intervenendo via web alla Conferenza sulla Democrazia di Haaretz, il quotidiano liberal israeliano. In cambio dei droni - ha aggiunto Zelensky - Putin aiuterà l'Iran nel suo programma nucleare.

Kiev: liberate 90 località in regione Kherson

L'esercito ucraino ha liberato dall'occupazione russa più di 90 località nella regione di Kherson. Lo ha dichiarato il Ministero della Difesa ucraino, come riporta Ukrinform. «Nella regione di Kherson, le Forze di Difesa del Sud hanno liberato più di 90 insediamenti che ospitano oltre 12.000 persone», ha detto il ministero, aggiungendo che nei villaggi liberati sono in corso misure di stabilizzazione.

Esercito russo: effetti bomba sporca possono raggiungere Polonia

Gli isotopi radioattivi provocati dall'eventuale esplosione in Ucraina di una «bomba sporca» possono arrivano fino a 1.500 chilometri di distanza e coprire l'area della Polonia. È quanto ha messo in guardia un ufficiale dell ministero della Difesa russo, ribadendo come l'Ucraina abbia sia un motivo per usare un ordigno di questo tipo che le capacità tecniche e scientifiche per realizzarlo. «La detonazione di un ordigno radiologico porterà inevitabilmente alla contaminazione radioattiva di un'area di diverse migliaia di metri quadrati», ha dichiarato il responsabile della protezione radiologica, chimica e biologica dell'esercito russo, Igor Kirillov, nel corso di un punto stampa.

Zelensky: solo Russia può usare armi nucleari in Europa

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha dichiarato che solo la Russia potrebbe usare armi nucleari in Europa, in seguito alle accuse del ministro della Difesa russo secondo cui l'Ucraina si starebbe preparando a usare una «bomba sporca» sul proprio territorio. Zelenskiy ha sottolineato che la Russia sta usando «ricatti nucleari» alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, «munizioni al fosforo» e «mine antiuomo vietate contro infrastrutture civili». E ha affermato che la Russia si stava preparando a usare proprio l'arma che accusa l'Ucraina di possedere.

 

Via processi per stupro a soldati russi, vittime da 4 a 85 anni

Sono stati incardinati in Ucraina i primi due processi per violenza sessuale ai danni di civili da parte dell'esercito russo: al momento i sospettati sono cinque. Iryna Didenko, il pubblico ministero incaricato dei casi di violenza sessuale presso l'Ufficio del procuratore generale, ha affermato le vittime sono bambini, donne, uomini e anziani, di età copmpresa tra i 4 e gli 85 anni. Secondo Didenko, i crimini di natura sessuale commessi dall'esercito russo sono registrati in tutte le regioni dell'Ucraina liberate. Il magistrato però non ha rivelato il numero dei casi.

Kiev a Aiea: nessuna bomba sporca, venite a vedere

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha chiesto al capo dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) Rafael Grossi di inviare esperti negli impianti nucleari ucraini per smentire le affermazioni russe secondo cui l'Ucraina intende utilizzare una «bomba sporca». Lo ha reso noto lo stesso Kuleba in un tweet, aggiungendo: «Non abbiamo nulla da nascondere». Il capo dell'organismo di controllo nucleare delle Nazioni Unite «ha accettato» di «inviare urgentemente esperti nelle strutture in Ucraina», ha affermato.

 

Mosca: Europa interessata da eventuali radiazioni centrale Zaporozhzhia

Una previsione degli esperti su un eventuale rilascio radioattivo dalla centrale nucleare di Zaporozhzhia mostra che interesserà quasi tutta l'Europa, ha dichiarato il capo delle truppe russe per la protezione nucleare, biologica e chimica, generale Igor Kirillov. Lo riporta la Tass. «Una previsione della situazione delle radiazioni, preparata dai nostri esperti e confermata in seguito dalle organizzazioni di ricerca europee competenti, mostra che un rilascio radioattivo interesserà quasi tutta l'Europa», ha osservato.

Mosca: "bomba sporca" di Kiev con materiale Chernobyl

«Il regime di Kiev progetta di far esplodere un'arma nucleare a bassa potenza per accusare la Russia di usare armi di distruzione di massa»: lo sostiene lo Stato maggiore della Federazione. Che aggiunge: «Potrebbero usare le sostanze radioattive del combustibile nucleare esaurito della centrale nucleare di Chernobyl per costruire la bomba sporca. La detonazione porterà alla contaminazione radioattiva di un'area fino a diverse migliaia di metri quadrati». Lo riporta la Tass.

Scholz: «Sosterremo Ucraina tanto a lungo, quanto necessario»

«Sosterremo l'Ucraina tanto a lungo, quanto necessario». E' quello che ha ribadito ancora una volta il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, parlando oggi al quinto forum economico tedesco-ucraino, in corso a Berlino. Il cancelliere ha sottolineato che «l'Ucraina può fidarsi della Germania e dell'Europa». «L'interesse tedesco ed europeo a un impegno nell'economia dell'Ucraina non è mai stato cosi grande come oggi», ha aggiunto.

Kiev: ucciso capitano delle forze speciali russe in Ucraina

Il capitano delle forze speciali russe Kostyantyn Smirnov, Kostya, figlio di un generale della Federazione è stato ucciso in Ucraina. Lo ha riferito un ufficiale delle forze armate ucraine, Anatoly Shtefan, senza indicare esattamente circostanza e luogo. Lo riporta Unian che pubblica una foto del capo delle forze speciali russe morto. I media russi intanto riferiscono che l'esercito ucraino ha 'eliminatò l'ufficiale delle forze speciali russe Denys Vasylchenko nella regione di Kherson. Secomdo Unian, alla fine di luglio era stato pubblicato online un video in cui Vasylchenko prometteva di «sostenere Vladimir (Putin) fino alla fine» e di «uccidere tutti i fascisti».

Mosca: Parigi e Berlino non mostrano interesse per mediazione

Il presidente russo Vladimir Putin non ha intenzione di tenere conversazioni telefoniche con i leader occidentali, tra cui il presidente americano Joe Biden, il cancelliere tedesco Olaf Scholz o il presidente francese Emmanuel Macron, simili a quelle che ha avuto il ministro della Difesa Serghei Shoigu con i suoi omologhi: lo ha detto oggi il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, come riporta RIA Novosti. Parigi e Berlino, ha aggiunto, non mostrano «alcun interesse» a partecipare alla mediazione per risolvere la questione ucraina.

Filorussi: Kiev ha colpito centrale idroelettrica di Kakhovka

Secondo l'agenzia di stampa statale russa Ria Novosti, l'esercito ucraino ha lanciato 19 missili su Novaya Kakhovka, di cui tre hanno colpito la centrale idroelettrica di Kakhovskaya, nell'oblast di Kherson, ma non ci sono stati danni gravi. Per il ;;capo dell'amministrazione cittadina Vladimir Leontyev la centrale continua a funzionare. Nei giorni scorsi il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accusato la Russia di avere minato la diga e la centrale idroelettrica di Kakhovka: «La diga di questa centrale idroelettrica contiene circa 18 milioni di metri cubi d'acqua. Se i russi faranno saltare questa diga, più di 80 insediamenti, tra cui Kherson, si troveranno nella zona di rapida inondazione. Centinaia di migliaia di persone potrebbero essere colpite», ha affermato. Facendo saltare la diga nel territorio controllato da Mosca - ha spiegato Kiev - una devastante massa d'acqua si riverserebbe su gran parte della regione di Kherson, annessa il mese scorso dalla Federazione. Distruggendo la centrale idroelettrica aumenterebbero anche i problemi energetici dell'Ucraina, dopo settimane di attacchi missilistici russi mirati a reti elettriche e generatori che, secondo Kiev, hanno danneggiato un terzo della rete nazionale.

 

Donetsk, 20 attacchi missilistici russi in ultime 24 ore

Nelle ultime 24 ore l'esercito russo ha attaccato con i suoi missili per venti volte nove diverse località nel Donetsk. Lo ha reso noto la Polizia, come riporta Ukrinform. La città di Bakhmut è stat bombardata per cinque volte nell'arco di una sola giornata. Colpite anche Avdiivka, Kurakhove, Chasiv Yar, Berdychi, Zrichne, Karlivka, Orlivka e Terny. Le truppe russe, ha riferito la polizia, ha utilizzato missili e artiglieria contro i civili. Danneggiati tra l'altro condomini e una stazione di distribuzione di energia elettrica. Le autorità hanno confermato sei vittime civili e cinque feriti nella comunità di Toretsk, bilancio diffuso ieri.

Gb: un successo difesa Kiev contro droni iraniani

Gli sforzi della difesa ucraine per abbattere i droni Shahed-136 di fabbricazione iraniana utilizzati dai russi hanno sempre più successo: lo scrive l'intelligence britannica nel suo aggiornamento quotidiano sulla situazione in Ucraina. Fonti ufficiali, tra cui il presidente Zelensky, affermano che fino all'85% degli attacchi viene intercettato, sottolinea il rapporto pubblicato oggi dal ministero della Difesa di Londra. La Russia sta probabilmente impiegando un gran numero di droni iraniani per penetrare le difese aeree ucraine, che sono sempre più efficaci, conclude l'intelligence, ipotizzando che Mosca usi questi velivoli come sostituto delle armi di precisione a lungo raggio di fabbricazione russa, «che stanno diventando sempre più scarse».

Russia Today, oscurato l'account Twitter

L'account Twitter di Rt (nuova denominazione della Tv Russia Today) è stato oscurata in seguito a un ricorso legale. 

 

 

Ieri il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha esortato i governi a bandire l'emittente Russia Today (RT) accompagnando la richiesta con un estratto di un programma in cui si incita alla violenza contro gli ucraini. L'anchorman Anton Krasovsky - ha sottolineato Kuleba ritwittando un post del Russian media monitor - suggeriva di «annegare o bruciare bambini ucraini, facendo commenti orribili sugli stupri dei soldati russi, e affermando che l'Ucraina non dovrebbe esistere e che gli ucraini che resistono alla Russia dovrebbero essere fucilati». Oggi la capo redattrice dell'emittente Margarita Simonyan ha reso noto su Twitter che l'anchorman Anton Krasovsky è stato sospeso in seguito alle sue dichiarazioni che incitavano alla violenza contro la popolazione ucraina. L'account di RT è stato sospeso in Italia, Portogallo, Finlandia, Svezia, Irlanda, Slovenia, Repubblica Ceca, Polonia, Slovenia, Ungheria, Malta, Germania, Grecia, Romnania, Olanda, Bulgaria, Austria, Lussembrugo, Lituania, Regno Unito, Danimarca, Croazia, Lettonia, Estonia, Cipro, Francia, Spagna, Belgio. 

Ucraina: Russia cerca di formare nuova milizia a Kherson

Le autorità russe cercano di formare una nuova milizia a Kherson, invitando gli uomini della regione a prenderne parte. Lo scrive il Guardian. La settimana scorsa Mosca ha esortato i residenti a fuggire dalla città, temendo un attacco da parte delle truppe ucraine. Come riferito dall'agenzia russa Interfax, da martedì sono stati evacuati circa 25.000 cittadini.

 

Tv russa sospende anchorman: voleva "bruciare" bimbi ucraini

La tv russa RT (ex Russia Today) ha sospeso l'anchorman Anton Krasovsky in seguito alle sue dichiarazioni che incitavano alla violenza contro la popolazione ucraina: lo ha reso noto su Twitter la capo redattrice dell'emittente, Margarita Simonyan. Ieri il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, aveva esortato i governi a bandire l'emittente accompagnando la richiesta con un estratto di una trasmissione in cui si incita alla violenza contro gli ucraini. Krasovsky, aveva fatto notare Kuleba ritwittando un post del Russian media monitor, suggerisce di «annegare o bruciare bambini ucraini, fa commenti orribili sugli stupri dei soldati russi, dice che l'Ucraina non dovrebbe esistere e che gli ucraini che resistono alla Russia dovrebbero essere fucilati». «Per ora sto interrompendo la nostra collaborazione...», ha scritto Simonyan: «La dichiarazione di Anton Krasovsky è selvaggia e disgustosa. Forse Anton spiegherà quale follia temporanea ha causato» queste parole.

 

 

Intelligence Kiev: «Ponte Crimea è simbolo russo, sarà distrutto»

«Il ponte di Crimea è un simbolo russo e, in quanto tale, sarà distrutto. Quando la Crimea tornerà all'Ucraina, questo ponte cesserà di esistere. Nessuno ne ha davvero bisogno». Lo ha detto il capo dell'intelligence ucraina Kyrylo Budanov alla Pravda ucraina. «Posso solo dire che il ponte di Crimea è stato gravemente danneggiato. Questo ponte è uno dei simboli del mondo russo - ha aggiunto - E anche l'incrociatore Mosca è andato a fondo. Sono tutti segnali che indicano che questo regime è alla fine».

Usa-Francia-Uk: su bomba sporca nessuno si farà ingannare da Mosca

«Nessuno si farà ingannare» dalla possibilità che Mosca intensifichi il conflitto in Ucraina con il pretesto dell'uso da parte di Kiev di una «bomba sporca» come indicato dal governo russo. Lo hanno affermato in una dichiarazione congiunta, i tre ministri degli Esteri di Francia, Regno Unito e Stati Uniti che «respingono le accuse ovviamente false della Russia secondo cui l'Ucraina si sta preparando a utilizzare una bomba sporca sul proprio territorio. Nessuno si farebbe ingannare dal tentativo di usare questa accusa come pretesto per l'escalation».

 

Kiev: da inizio conflitto 67.940 soldati russi morti

Ammonterebbero a 67.940 le perdite fra le fila russe dal giorno dell'attacco di Mosca all'Ucraina, lo scorso 24 febbraio. Lo rende noto il bollettino quotidiano dello Stato Maggiore delle Forze Armate ucraine, appena diffuso su Facebook, che riporta cifre che non è possibile verificare in modo indipendente. Secondo il resoconto dei militari ucraini, a oggi le perdite russe sarebbero di circa 67.940 uomini, 2.590 carri armati, 5.295 mezzi corazzati, 1.673 sistemi d'artiglieria, 375 lanciarazzi multipli, 189 sistemi di difesa antiaerea. Stando al bollettino, che specifica che i dati sono in aggiornamento a causa degli intensi combattimenti, le forze russe avrebbero perso anche 270 aerei, 245 elicotteri, 4.044 autoveicoli, 16 unità navali e 1.370 droni.

Arivescovo Kiev: deportati 46 orfani a Kherson

L'arcivescovo maggiore di Kiev denuncia nuove «deportazioni». «Kherson, città sul Dnipro, nel sud dell'Ucraina, - fa sapere Shevchuk - sta diventando il centro di un grande confronto. Gli occupanti stanno saccheggiando la città distruggendola, espellendo i suoi abitanti. La trasformano in un avamposto di future pesanti battaglie dove potrebbe essere versato molto sangue. Ma il cuore soffre soprattutto per i bambini orfani. I bambini orfani che sono privati ​​delle cure parentali e dunque, sono i più vulnerabili, in particolare, tra gli orrori della guerra».

New York Times: Israele dà a Kiev intelligence contro droni Iran

Israele ha fornito al governo di Kiev «informazioni di intelligence utili per colpire i droni iraniani» usati dalle forze russe in Ucraina: lo ha detto un funzionario ucraino che ha voluto mantenere l'anonimato, secondo quanto riporta il New York Times. Da parte sua, il portavoce del ministero della Difesa ucraino, Yuriy Sak, ha affermato che i droni kamikaze iraniani «sono stati sviluppati come capacità di massa per colpire Israele», non l' Ucraina. Gli iraniani «stanno usando l' Ucraina come terreno di prova, per vedere i punti deboli, per perfezionarli e prima o poi li useranno contro Israele», ha aggiunto.

 

Kiev: 30% droni iran lanciati da russi colpisce bersaglio

Circa il 30% dei droni Shahed-136 di fabbricazione iraniana lanciati dalle forze russe sull' Ucraina ha colpito il bersaglio: lo ha detto il direttore della Direzione dell'Intelligence del ministero della Difesa ucraino, Kyrylo Budanov, in un'intervista alla Ukrainska Pravda. Budanov ha affermato che dal 22 ottobre i russi hanno lanciato circa 330 droni Shahed-136, di cui 222 sono stati abbattuti e 108 (il 32,7%) sono andati a segno o sono caduti vicino all'obiettivo. La Russia, ha precisato il capo dell'intelligence, ha ordinato circa 1.700 droni, che vengono consegnati in lotti da 300 unità.

Guerra in Ucraina, la diretta della giornata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA