Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Russia, il piano B per l'Ucraina in cinque punti: guadagnare tempo, prendere Mariupol e dividere l'Occidente

Lunedì 4 Aprile 2022
Guerra all'Ucraina: guadagnare tempo, assicurarsi la presa di Mariupol o dividere l'Occidente? Le priorità della Russia ora

Abbandonata la conquista di Kiev, ora, gli attacchi dell'esercito russo si concentrano a est e sud. Il piano B di Mosca ha molteplici obiettivi che rischiano di prolungare il conflitto e causare ancora più morte e distruzione.

La regione occidentale e cattolica dell'Ucraina? Più difficile da denazificare, dice l'agenzia russa Ria Novosti

Ecco i cinque obiettivi che la Russia ha per la prossima fase della guerra contro l'Ucraina, a quasi un mese e mezzo dall'inizio del conflitto, secondo l'agenzia AFP.

Vittoria simbolica

L'obiettivo temporale è la tradizionale parata del 9 maggio. Anche con il pieno controllo dei media, raggiunto dopo una serie di misure draconiane, il presidente Vladimir Putin vorrà esibire una sorta di successo il 9 maggio, quando la Russia festeggia la sua vittoria sulla Germania nazista nella Seconda guerra mondiale. «Putin è ossessionato dalle date simboliche e dalla storia, quindi ha un disperato bisogno di una immagine di vittoria prima del 9 maggio», ha affermato Alexander Grinberg, analista dello Jerusalem Institute for Security and Strategy (JISS). Sergei Karaganov, presidente onorario del think tank Council for Foreign and Defence Policy di Mosca ed ex consigliere del Cremlino, ha affermato che la Russia «non può permettersi di "perdere", quindi abbiamo bisogno di una sorta di vittoria». «La posta in gioco dell'élite russa è molto alta, per loro è una guerra esistenziale», ha detto al settimanale britannico The New Statesman.

Prendere Mariupol

Mentre le forze russe sembrano ritirarsi dall'area di Kiev e da altre regioni del nord, la Russia non si sta muovendo in maniera speculare intorno alla città sudorientale di Mariupol, assediata per settimane malgrado le proteste internazionali. La presa di Mariupol sarebbe un passo cruciale per la Russia nella realizzazione del suo apparente obiettivo di controllare il territorio che collega la penisola ucraina della Crimea, annessa da Mosca nel 2014, alla Russia. «Mi aspetto combattimenti intensi fino alla ritirata finale della resistenza (ucraina) da Mariupol», ha detto Grinberg. A nord si trovano le due regioni separatiste filo-russe del Donbas, Donetsk e Lugansk, quindi prendere la città darebbe a Mosca il controllo di una fascia di territorio nell'est dell'Ucraina. Con Mariupol, le forze russe potrebbero «andare a nord per conquistare il resto del Donbas e avere il controllo senza interruzioni del sud dell'Ucraina e della costa del Mar d'Azov», ha detto alla Afp Pierre Razoux, direttore accademico della Mediterranean Foundation for Strategic Studies.

 

Conquistare più territorio

Le regioni separatiste di Donetsk e Lugansk - riconosciute come entità indipendenti dalla Russia a febbraio - non controllavano l'intera estensione di queste due aree, all'interno dell'Ucraina. Mosca ha insistito sul fatto che i loro governi separatisti dovrebbero avere piena autorità amministrativa e il loro pieno controllo sembra essere un obiettivo fondamentale della guerra. Guerra che «è tutt'altro che finita e potrebbe ancora cambiare a favore della Russia se l'esercito russo riuscirà a lanciare un'operazione a suo favore nell'Ucraina orientale», hanno affermato gli analisti dell' Institute for the Study of War (ISW). La Russia nel fine settimana ha lanciato attacchi al porto occidentale di Odessa e fonti occidentali non hanno mai escluso un attacco anfibio alla città, anche se questo appare meno probabile. «Se viene imposto un cessate il fuoco in base al principio "mantieni ciò che detieni già", la Russia potrebbe mantenere il suo controllo su diverse nuove parti dell'Ucraina», ha affermato Ivan U. Klyszcz, dottorando in Relazioni internazionali presso l'Università di Tartu, in Estonia.

Russia, il piano per denazificare l'Ucraina nell'editoriale di Ria Novosti: «Cambiare nome al Paese e dissidenti ai lavori forzati 25 anni»

Guadagnare tempo

L'invasione si è rivelata estremamente costosa per la Russia in termini sia di perdite umane sia di distruzione dell'equipaggiamento militare, grazie alla resistenza ucraina che è stata molto più massiccia di quanto previsto dal Cremlino. Gli analisti militari hanno notato che la leva di primavera della Russia è iniziata il primo aprile. Mentre Mosca insiste che i coscritti non vengono inviati in Ucraina, le nuove reclute potrebbero entrare in battaglia una volta che avranno firmato i contratti e saranno state addestrate. «La guerra è tutt'altro che finita... ulteriori offensive devono ancora arrivare», ha affermato Gustav Gressel, senior policy fellow presso lo European Council on Foreign Relations (ECFR), aggiungendo che il personale è la «risorsa chiave» che scarseggia per Mosca. Ma gli analisti affermano anche che una lunga guerra di logoramento sarebbe pericolosa pure per la Russia, visto il successo delle tattiche di guerriglia ucraine registrato nelle ultime settimane. «Se questa alla fine diventa una guerra di logoramento prolungata, l'Ucraina sembra nel complesso in una posizione più favorevole», ha affermato Michael Kofman, direttore del Programma di studi sulla Russia presso il Center for Naval Analysis, negli Stati Uniti.

Dividere l'Occidente

Più a lungo durerà la guerra, più il Cremlino dovrebbe esercitare una delle sue tattiche preferite di cercare di dividere l'Occidente tra stati che vogliono prendere la linea più dura contro Mosca e quelli con posizioni più concilianti. Putin lunedì si è affrettato a congratularsi con uno dei suoi più stretti alleati all'interno della Ue, il primo ministro ungherese Viktor Orban, dopo che il suo partito ha vinto le elezioni e Orban ha conquistato il quarto mandato. In un possibile segnale di tensioni prossime a scoppiare, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che Putin non dovrebbe rimanere al potere, ma il presidente francese Emmanuel Macron ha ribattuto che tale retorica non era utile. Macron ha detto lunedì che la Ue potrebbe prendere in considerazione ulteriori sanzioni contro l'industria petrolifera e del carbone russa.

Cina e Russia parlano di "nuovo ordine mondiale". E Lavrov oggi è in visita in India

Ultimo aggiornamento: 5 Aprile, 07:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA