Terzi tra Venezuela, Iran e Corea del Nord: «E Trump merita il Nobel per la Pace»

ARTICOLI CORRELATI
di Luca Marfé

  • 122
Eccezione più unica che rara quella del “super diplomatico” che da ambasciatore si è ritrovato a vestire i panni di ministro degli Esteri. Giulio Terzi di Sant’Agata è uno dei massimi esperti italiani di politica estera. 
 

La sua “fotografia” dell’attuale scacchiere internazionale, con gli occhi puntati sul dramma venezuelano e su quel Maduro che non esita a definire un «dittatore» al vertice di una cupola militare da lui nominata per gestire il narcotraffico.

Non si fida dell’Iran e sottolinea la necessità di cautele più solide attorno al dossier nucleare.

Elogia i numeri dell’economia a stelle e strisce («la disoccupazione è inesistente»), ma lancia l’allarme speculazioni.

Legge come una buona notizia, infine, il fatto che Donald Trump e Kim Jong-un si parlino e siano a un passo da un nuovo incontro.

«Il Nobel per la Pace? Un premio che è stato dato tante volte sulla fiducia e con un impulso politico. A fronte di risultati concreti, quella di Trump sarebbe una candidatura apprezzabile».
Venerdì 22 Febbraio 2019, 17:30 - Ultimo aggiornamento: 23 Febbraio, 10:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP