Vaccino, in Francia ora priorità a cassieri, commessi, autisti e tassisti

Mercoledì 21 Aprile 2021
Vaccino, in Francia si apre alle professioni in "seconda linea": cassieri, commessi, autisti e tassisti

La Francia, da sabato 24 aprile, aprirà la somministrazione del vaccino anti Covid-19 ad oltre 400.000 professionisti del settore privato di età superiore ai 55 anni, che beneficeranno di slot dedicati per i lavori definiti di "seconda linea". Dopo gli insegnanti, gli agenti di polizia e i tutori dei bambini è il turno di altri professionisti a cui è stata assegnata la priorità in termini di vaccinazione come autisti, cassieri e operai del settore agroalimentare. «A partire da questo sabato 24 aprile verranno creati degli slot dedicati» , ha annunciato martedì l'entourage del ministro del Lavoro, Elisabeth Borne, dopo una consultazione con le parti sociali.

 

Coronavirus, contagiata dipendente di un supermercato: era risultata negativa al primo tampone

Per identificare i "lavoratori di seconda linea" ovvero le professioni ritenute particolarmente esposte ai rischi del contagio, il Ministero del Lavoro ha iniziato a lavorare dalla fine del 2020. Saranno interessate ai nuovi appuntamenti di vaccinazione una ventina di professioni private tra cui: autisti (conducenti di autobus, traghetti e navette fluviali; conducenti e addetti alle consegne a corto raggio; conducenti di camion), autisti di taxi, controllori del trasporto pubblico, agenti per la manutenzione (detergenti, agenti per la raccolta dei rifiuti, agenti per centri di raccolta differenziata), guardie e agenti di sicurezza, commessi dei negozi di alimentari (cassieri, dipendenti self-service, venditori di generi alimentari tra cui macellai, gastronomie, ristoratori, fornai e pasticceri), direttori di pompe funebri e infine gli operai non qualificati del settore agroalimentare (dipendenti di macelli, dipendenti di aziende di lavorazione della carne). Mentre sarebbero in corso «lavori con il Ministero dei Trasporti per esaminare metodi di vaccinazione specifici per gli equipaggi di volo tecnici e commerciali del settore aereo e per i marittimi, in particolare quelli che devono effettuare scali internazionali», specifica il ministero.

Passaporto vaccinale per i viaggi, l'Europa lo attende per giugno. Già attivo in Israele, Grecia e Islanda

Come sono stati scelti 

Sarebbero diversi i criteri utilizzati per definire quali siano le professioni di seconda linea: in primis l'esposizione ai contatti sociali, in secondo luogo il lavorare in un ambiente chiuso ed infine la relativa difficoltà nel rispettare le distanze. Inoltre, poiché il vaccino che sarà loro somministrato sarà quello di Oxford- AstraZeneca, a queste condizioni è stato aggiunto anche il limite di età.

Dei 4,6 milioni di lavoratori di seconda linea, circa 400.000 sono quindi considerati prioritari in termini di vaccinazione. «Avremmo preferito che tutti i lavoratori di seconda linea fossero eleggibili», ha detto Courpotin, segretario confederale della CFTC. «Affinché questa priorità avesse un significato, era necessario un elenco di mestieri non troppo lungo», spiega il ministero del Lavoro.

Covid, pubblicato il documento con le linee guida per la vaccinazione sui luoghi di lavoro

 

Ultimo aggiornamento: 17:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA