Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

MARIO DRAGHI

Crisi di governo, Draghi e la fiducia: i numeri di Senato e Camera. Cosa può accadere nel voto

Martedì 19 Luglio 2022
Crisi di governo, Draghi e la fiducia: i numeri di Senato e Camera. Cosa può accadere nel voto

Mario Draghi si presenterà domani mattina in Senato, poi giovedì alla Camera per le comunicazioni a cui seguirà il voto di fiducia. Ma che chance ha il governo di ottenerla? Scorrendo i "numeri" dei due rami del Parlamento si scopre a quale destino può andare incontro l'esecutivo. 

Crisi governo, come arrivano i partiti al voto di fiducia? Da Pd a M5s e centrodestra, le posizioni

Draghi, i numeri in Senato e alla Camera

Se M5s dovesse uscire dal governo, l'esecutivo Draghi avrebbe comunque i numeri per ottenere la fiducia, tanto alla Camera quanto al Senato, anche se ovviamente sul piano politico l'uscita di un partito cambierebbe profondamente il profilo dell'esecutivo. Il tutto, naturalmente, se Lega e Fi confermassero l'appoggio all'esecutivo.

 

La situazione a Montecitorio

A Montecitorio se venissero meno i 104 voti dell'intero gruppo di M5s, la maggioranza disporrebbe comunque di 450 deputati (Fi 82, Ipf 53, Iv 30, Lega 131, Leu 9, Pd 97, Coraggio Italia 11, Azione 7, Cd 5, Maie 5, Minoranze linguistiche 4, NcI 5, Italia al Centro 11) sui complessivi 630. Le opposizioni contano 61 voti (di cui 37 di Fdi, unico ad avere un gruppo e non una semplice componente del Misto), mentre 15 deputati ex M5s del gruppo Misto non iscritti a nessuna componente talvolta appoggiano le iniziative dell'esecutivo e talvolta no.

La situazione a Palazzo Madama

Analoga la situazione a Palazzo Madama dove il Governo, quand'anche i 61 senatori di M5s si tirassero indietro, potrebbe contare sul consenso di altri 204 voti (su 321), escludendo i 6 senatori a vita non sempre presenti: Fi 51, Ipf 11, Iv 15, Lega 61, Pd 39, Autonomie 6, 21 dei 39 del gruppo Misto (le componenti di Leu, Azione/+Europa, Italia al Centro, NcI, Noi di Centro). In caso dunque di passo indietro del premier non per ragioni numeriche bensì per valutazioni del quadro politico, l'unico precedente andrebbe ricercato nel governo Ciampi che il 13 gennaio 1994 si dimise durante il dibattito parlamentare su una mozione di sfiducia mentre era stata presentata anche un risoluzione di fiducia che avrebbe avuto i numeri. L'allora presidente Scalfaro sciolse le Camere il 16 senza tuttavia accettare le dimissioni di Ciampi.

Ultimo aggiornamento: 20 Luglio, 10:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche