Fiducia, Meloni e Salvini in piazza contro i «poltronari»

​Fiducia, Fdi e Lega in piazza. Salvini: «Saluto ai poltronari». Spuntano anche saluti romani
18
  • 2641
È la piazza contro le poltrone. Le stesse che occupava la Lega governativa fino a un mese fa, e ora passate ai «poltronari dell'inciucio». Sono Giorgia Meloni e Matteo Salvini i nuovi 'barricaderì che, insieme, protestano davanti Montecitorio contro il Conte bis nelle stesse ore in cui chiede la fiducia alla Camera. «Elezioni, elezioni!» e «Ladri di sovranità», sono le parole d'ordine della piazza convocata da Fratelli d'Italia ma che coinvolge anche i leader della Lega. Per il 'dress codè prevale il rosso bianco e verde, nessuna bandiera di partito, mentre non mancano i fischi al premier e poco lontano qualcuno fa i saluti romani durante l'inno di Mameli.

Governo, Meloni alla Camera: «Sarete travolti da un'Italia libera e sovrana»
Governo, diretta: Conte contestato, bagarre in aula. «Lega coerente a sue convenienze. Elezioni? Da irresponsabili»




Lo urla dal palco Salvini, galvanizzato dalla gente che gli chiede di non mollare e che, prima, lo accerchia per i soliti selfie e abbracci nel breve tratto tra Montecitorio e piazza Capranica. Lì c'è un maxischermo, un altro è al Pantheon e altre centinaia di persone restano in via del Corso, aldilà delle transenne dove li fermano le forze dell'ordine. «Oggi avremmo potuto riempire piazza del Popolo per quanti siamo!», arringa i suoi la presidente di FdI, che attacca il Pd e M5s come «i peggiori voltagabbana che si siano mai visti, Scilipoti gli allaccia le scarpe al confronto». Poi passa la parola a Salvini con un «bentornato al mio amico Matteo». «L'onore e la dignità», sono le prime parole pronunciate dall'ex vicepremier che un pò le ruba la scena e chiude la manifestazione. È in camicia bianca ma di fatto è quella verde del Carroccio che sembra rimettersi addosso. Così incita la folla: «Mi hanno chiesto se questa è una piazza eversiva...Mamma mia, quante mamme eversive ci sono oggi!», scherza. Al contrario, esalta «una piazza fatta di persone a volto scoperto e disarmate». Non è tenero con i nuovi governanti e li paragona a «dittatori chiusi nei palazzi e che si vergognano a uscire». Ma promette battaglia se proveranno a smontare quota 100 e a riaprire i porti. «Non li lasceremo uscire da quel Palazzo, ci staranno giorno e notte, Natale e ferragosto», urla tra gli applausi. E aggiunge: «Se proveranno a riaprire i porti, li chiudiamo noi tutti insieme».
 


Toni molto diversi da quelli di FI che mostra apertamente la differenza di stile e dissenso al Conte bis. «La nostra sarà un'opposizione seria, tenace, sulle cose», è il mantra che ripete Silvio Berlusconi parlando ai suoi nella riunione ai gruppi, in mattinata. E martella: «Faremo opposizione in Parlamento, perché quello è il luogo dove in democrazia si esercita la sovranità popolare». Non manca una stoccata al resto del centrodestra che gli rimprovera l'assenza in piazza: «Non abbiamo bisogno che nessuno ci dia lezioni su quando andare in piazza», fa sapere replicando forse a Salvini. Per l'ex ministro dell'Interno «FI ci sarà il 19 ottobre (giorno della manifestazione della Lega a Roma, ndr). Chi non c'è oggi, ha un mese di tempo per decidere». Ma Berlusconi non si preoccupa: «La coalizione di centrodestra l'ho fondata io, non voglio romperla». E taglia corto: «Siamo alleati ma ben distinti».





LEGGI ANCHE --> Governo, malumori M5S: «Il Pd è partito male». Ma il sì al nuovo esecutivo è scontato


 
(video di Simone Canettieri)



Lunedì 9 Settembre 2019, 10:50 - Ultimo aggiornamento: 10 Settembre, 06:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2019-09-09 19:50:13
L unica cosa che può chiudere salvino non la posso scrivere qui!
2019-09-10 09:52:38
essere mandato a fare in ?
2019-09-09 19:39:56
commenti splendidi a esorcizzare Matteo Salvini…...le frustrazioni causate da : siena , pisa , ferrara , cagliari , vercelli etc etc o Piemonte , Friuli , sardegna , abruzzo………sono ancora vive…….hanno scansato il fosso evitando il voto popolare e adesso mettono la testa fuori
2019-09-09 19:18:21
Non credevo che la perdita di una poltrona in parlamento producesse una si ile contestazione.Evidentemente sono tutti coloro che non hanno un mestiere,e adesso non sanno come sbarcare il lunario.Tutti in miniera guidati dal felpa ( termine preso a preztito).
2019-09-09 20:49:08
Salvini che non ha mestiere e prende tutto quel ben di Dio di voti………….certi commenti fanno sorridere solamente

QUICKMAP