Migranti, prima gli sbarchi poi il resto: Roma vuole dettare l'agenda

di Cristiana Mangani e Marco Conti

«La solidarietà deve essere reale e riguardare anche i ricollocamenti». La sponda di Sergio Mattarella al governo di Giuseppe Conte non è mancata anche stavolta ed è stato Donald Tusk - ieri al Quirinale - a raccogliere l'invito del presidente della Repubblica a mettere «un po' di solidarietà in più» nel piano migranti della Ue. Il capo dello Stato ha poi dichiarato che «l'Italia si conforma alle norme del diritto internazionale relative all'accoglienza di coloro...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 21 Giugno 2018, 07:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP