Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fari sull'anoressia: Fiorenza Sarzanini parla della sua esperienza in "Affamati d'Amore"

Mercoledì 13 Aprile 2022 di Ettore Mautone
Fiorenza Sarzanini

Cos'è che spinge un ragazzo o una persona adulta a centellinare il cibo e le calorie fino a non mangiare più e talvolta morire di anoressia e qual è il meccanismo del disturbo opposto che provoca abbuffate compulsive il cui il corpo è ridotto a qualcosa di degradato in cui riversare ogni tipo di cibo senza freni. Domande a cui prova a rispondere “Affamati d’amore” l'ultimo libro di Fiorenza Sarzanini, giornalista e vicedirettrice del Corriere della Sera. La presentazione del volume è in programma venerdì 6 maggio, presso la Biblioteca Medica della Real Casa dell'Annunziata di Napoli. 
L’evento è a cura della Fondazione Ananke di Villa Miralago, importante realtà sanitaria e culturale impegnata anche a Napoli attivamente nel campo dei disturbi del comportamento alimentare (DCA) attraverso la prevenzione, la divulgazione, la formazione e la ricerca in ambito nazionale.
«Quando sei malata non lo capisci. Arrivi al fondo e non te ne rendi conto. L’immagine che vedi riflessa nello specchio è un’altra. Una te che non corrisponde alla realtà. Si chiama “dispercezione”, adesso lo so. All’epoca non ne avevo idea. In realtà trent’anni fa i disturbi alimentari erano quasi sconosciuti». Così Fiorenza Sarzanini scrive nel suo ultimo volume a proposito della sua esperienza con l’anoressia. L’autrice racconta una storia di malattia e di rinascita e lo fa rivolgendosi ai più giovani, che in tanti oggi combattono contro i disturbi alimentari.
Questa tipologia di disturbi costituisce, infatti, un’emergenza che sembra non trovare un argine alla sua crescita esponenziale. In Italia si parla di quasi tre milioni di persone che soffrono di questa patologia. La pandemia da Covid-19 ha determinato un aumento del 30% dei casi e un abbassamento dell’età di esordio, ponendosi mediamente attorno ai
12/13 anni, con esordi anche in bambini di 8/9 anni.
La presentazione di “Affamati d’amore” si terrà dalle 16,30 alle 18,30 e vedrà la partecipazione di numerosi professionisti e rappresentanti istituzionali, come il Sindaco Gaetano Manfredi e l’Assessore con Delega alla Salute Vincenzo Santagada. L’evento è patrocinato dal Comune di Napoli e da alcune tra le più importanti Associazioni nazionali di genitori e familiari, Consult@noi e Ilfilolilla. Interverranno: Laura Dalla Ragione, referente scientifico per i DCA dell’Istituto Superiore di Sanità e presidente della Società italiana di Riabilitazione interdisciplinare disturbi alimentari e del peso Siridap e Alessandro Raggi, psicoterapeuta e psicoterapeuta e vicepresidente della Fondazione Ananke di Villa Miralago. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA