Sandra, la prima santa "fidanzata": morì in un incidente a soli 22 anni, ecco la sua storia

Mercoledì 20 Ottobre 2021 di Franca Giansoldati
courtesy diocesi di Rimini

Città del Vaticano – Domenica 24 ottobre verrà beatificata a Rimini Sandra Sabattini, una ragazza romagnola, solare e simpatica, sensibilissima e proiettata verso i poveri. Sandra era nata il 19 agosto 1961 a Riccione. Quando era poco più che adolescente si era avvicinata alla Comunità Papa Giovanni XXIII, l'associazione fondata da don Oreste Benzi. Studiava con profitto, aveva amici e anche un fidanzato Guido Rossi, anch’egli membro della stessa associazione. Una vita apparentemente vicina a quella di qualsiasi adolescente.

Papa Francesco, bimbo sale sul palco (e lui gli dà una sedia): fuori programma all'udienza generale

La storia

Terminato il liceo scientifico si iscrisse alla facoltà di medicina dell’università di Bologna. In quel periodo già faceva volontariato in una struttura che aiutava i tossicodipendenti, consacrando anche le sue vacanze estive. Nel 1984 un incidente stradale, proprio mentre andava a fare volontariato, le stroncò la vita. L'impatto fu talmente violento che non ci fu niente da fare. Uno dei testimoni che ha contribuito a sostenere la causa di beatificazione è stato proprio l'ex fidanzato (oggi sposato, con tre figli e ancora molto attivo in parrocchia). «La prima cosa che colpiva è come fosse riservata, umile e nello stesso tempo piena di gioia di vivere. Era una vera amante della vita. Ogni tanto andava nei cimiteri per pregare e per ricordarsi del significato della vita» ha detto.

 

Il diario

Il vescovo di Rimini li ha definiti due fidanzati controcorrente. La vita interiore di Sandra così come la grande fede traspare dalle pagine di un diario ritrovato per caso, nel quale sono state trascritte esperienze e momenti di vita intrisi di spiritualità. Si tratta di 4 o 5 agende zeppe di appunti e annotazioni che raccontano di una vita stracolma di cose da fare. Non rinunciava mai ai suoi impegni con i poveri, neanche per l’esame di maturità scientifica, neanche per gli esami di medicina.
Ha scritto nel diario: «Se Dio non esistesse sarei disperata». La cosa che stupisce è che non si tratta di una posizione intellettuale o filosofica, ma una coscienza profonda al limite del dolore. 

Di fatto è il suo testamento spirituale: «Non e' mia questa vita che sta evolvendosi ritmata da un regolare respiro che non e' mio, allietata da una serena giornata che non e' mia. Non c'e' nulla a questo mondo che sia tuo. Sandra, renditene conto! E' tutto un dono». 

Nel settembre 2006 è stata aperta la causa di canonizzazione. Nel 2018 Sandra è stata dichiarata "venerabile" ed il 2 ottobre 2019 Papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del Decreto che riconosce «il miracolo, attribuito all'intercessione di Sandra Sabattini relativo alla guarigione da un tumore maligno di Stefano Vitali, ritenuta scientificamente inspiegabile». 

Ultimo aggiornamento: 21 Ottobre, 15:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA