«Bomba day» a Battipaglia, 86enne evacuata muore. Un altro anziano colpito da infarto

Domenica 8 Settembre 2019

Un'anziana di 86 anni è deceduta a Battipaglia mentre si trovava nel centro di accoglienza allestito nei locali dell'istituto 'Sandro Penna'. La donna, allettata e già gravemente malata (secondo quanto si apprende da fonti sanitarie era affetta da bronco pneumopatia cronica ostruttiva e cardiopatia cronica), era stata evacuata questa mattina nell'ambito delle operazioni di disinnesco dell'ordigno bellico risalente alla Seconda guerra mondiale e trasportata nella struttura destinata all'accompagnamento dei malati fragili (dove sono ospitate altre 83 persone).

Le sue condizioni sono improvvisamente precipitate. I medici in servizio al centro di accoglienza hanno provato a rianimarla ma non c'è stato nulla da fare. Gli agenti della Polizia di Stato hanno comunicato la notizia del decesso alla Procura della Repubblica di Salerno. La salma, al momento, si trova all'interno di una tenda della Croce Rossa Italiana. 

Anche un altro anziano di 86 anni è stato colpito da infarto mentre si trovava in uno dei centri di accoglienza allestiti per il disinnesco dell'ordigno bellico a Battipaglia (Salerno). L'uomo era arrivato questa mattina all'istituto 'Sandro Pennà con mezzi propri. Soccorso dai sanitari presenti all'interno della struttura, è stato trasportato all'ospedale di Eboli dove è stato sottoposto a terapia con stent alla coronaria sinistra. Al momento, stando a quanto riferito dal dg dell'Asl di Salerno, Mario Iervolino, avrebbe superato la fase critica. Poco prima all'interno dello stesso centro di accoglienza era deceduta - per cause naturali - una 86enne le cui condizioni di salute erano già gravi. 

Ultimo aggiornamento: 9 Settembre, 09:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA