Covid, boom a novembre:
contagi più che raddoppiati

Lunedì 29 Novembre 2021 di Sabino Russo
Covid, boom a novembre: contagi più che raddoppiati

Tornano ai livelli di maggio i contagi nel salernitano. Sono 3.598, infatti, i casi rilevati finora a novembre e all'appello mancano ancora due giorni. Di questi, sono 1.086 quelli emersi solo negli ultimi sette giorni, mentre sono 200 i tamponi positivi comunicati ieri dall'Unità di crisi. Per fortuna, di contraltare, si conta una impennata delle vaccinazioni. Nella sola giornata di sabato sono state 607 le dosi somministrate al teatro Augusteo. File, in ogni caso, si registrano un po' in tutti i centri vaccinali della provincia. Sono numeri che fanno stropicciare gli occhi, perché riportano alla mente alla situazione vissuta prima dell'estate, e che non lasciano di certo sperare a un sereno periodo natalizio, quelli che emergono dagli ultimi bollettini dell'Unità di crisi.

Gli ultimi sette giorni fanno registrare 1086 nuovi infettati, rispetto alla settimana scorsa che si era chiusa a quota 900 e quella precedente a 722. Sono già 3.598, dunque, i casi emersi finora a novembre e il mese non si è ancora chiuso. Ottobre si è chiuso con un saldo complessivo di 1.613 casi, di cui 644 negli ultimi sette giorni, 415 la precedente, 179 registrati in quella prima, 180 della terza settimana del mese, i 187 della precedente e i 272 di quella a cavallo tra settembre e ottobre. A settembre sono stati 1.538 i casi, in riduzione di circa 800 casi rispetto ad agosto, indicato come il mese nero dell'estate salernitana. Nello specifico, sono stati 373 i positivi registrati nel corso della prima settimana, 343 nella seconda e 399 nella terza. Nel mese di agosto, invece, sono stati 2mila 375 gli infettati complessivi, di cui 468 negli ultimi sette giorni del mese. Nella terza settimana di agosto i positivi sono stati 545, mentre in quella precedente erano stati 618. Nella prima settimana, invece, erano stati 502. Il mese di luglio, invece, si era chiuso con un saldo di 926 contagiati. Nello specifico, sono stati 359 gli infettati rilevati negli ultimi 7 giorni del mese, 279 la settimana precedente, 190 quella prima ancora, 99 nella seconda e 83 nella prima settimana. Nel mese di giugno, invece, complessivamente, gli infettati erano stati 872. Di questi, 137 erano stati rilevati nell'ultima settimana. Nei primi 15 giorni di giugno i positivi erano 499, di cui 288 registrati nella seconda settimana. Sono 200 i tamponi positivi comunicati ieri dall'Unità di crisi, che portano la conta complessiva dall'inizio della pandemia a 78mila 501.

Video


A Montecorvino Rovella, negli ultimi sei giorni, sono stati 661 i tamponi: 37 positivi. Le persone attualmente positive sono 45. Altri 12 contagi a Mercato San Severino (1 cittadino a capoluogo; 2 cittadine e 3 cittadini residenti nella frazione Curteri; 2 cittadine e 1 cittadino residenti nella frazione Spiano; 1 cittadino residente a Sant'Angelo; 1 cittadino residente nella frazione Pandola; 1 cittadina residente nella frazione Monticelli). Sono 4 i nuovi contagi a Scala, di cui due minori e due adulti, per un totale di 40 persone. A Maiori, invece, si registrano 3 nuovi infettati e ben 13 guarigioni, su 254 tamponi. Scende a 13 il totale dei positivi, tutti asintomatici. Altri sette casi ad Agropoli.

Tornano a viaggiare con passo spedito le vaccinazioni nel salernitano, con le file copiose che sono tornate un po' in tutti i centri vaccinali della provincia. Per dare il senso di questa ripresa, basta prendere in considerazione i soli numeri del punto di somministrazione al teatro Augusteo. Nella sola giornata di sabato sono state 607 le dosi inoculate, mentre sono 400 quelle di ieri. Nel corso del weekend, sono state più di 1500 le iniezioni effettuate. Nella maggior parte dei casi si tratta di terze dosi, ma per fortuna c'è anche qualcuno, complice gli effetti del super green pass, che effettua le prime dosi. Per lo più sono over 60 e qualche over 40. Quello che fa ben sperare, oltre alle file, è la circostanza che le vaccinazioni effettuate sono molte di più delle persone che erano state convocate.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA