L'odissea dei pendolari sui binari:
«Napoli-Salerno, la roulette corse»

di Diletta Turco

Treni vecchi, spesso in ritardo - talvolta segnalato e talvolta no - se non addirittura soppressi, corse dimezzate, condizioni di viaggio quantomeno discutibili. Sono i problemi cronici che vivono, ormai da tempo, i pendolari della storica linea ferroviaria che unisce Salerno a Napoli. La situazione, però, dall'inizio del 2019 è andata peggiorando: ai soliti disagi se ne sono aggiunti di nuovi, e cioè l'aumento dei tempi medi di percorrenza dei convogli e le coincidenze non sempre rispettate. Con il risultato che i tempi di percorrenza per chi, ogni giorno, viaggia a bordo della linea non solo non sono assicurati, ma non possono essere proprio calcolati. Più volte il gruppo dei pendolari della linea storica ha sollevato le questioni, sottolineando con forza i disagi e i problemi che fronteggiano ogni giorno, anche per percorrere pochi chilometri. Senza, però, vedere miglioramenti.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 10 Febbraio 2019, 14:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP