Covid e scuola, lo studio: «Docenti maggior veicolo contagio, poco distanziamento tra principali cause»

Martedì 23 Febbraio 2021
Covid e scuola, lo studio: «Docenti maggior veicolo contagio, poco distanziamento tra principali cause»

Un nuovo studio americano rileva che gli insegnanti, ancora più degli stessi studenti, possono essere i più importanti veicoli di contagio nella trasmissione del Covid-19 nelle scuole. Lo studio, pubblicato dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), ha esaminato nove cluster di trasmissione Covid-19 nelle scuole elementari nel sobborgo di Marietta ad Atlanta, nei mesi di dicembre e gennaio. Inclusi nei cluster, 16 infetti in totale tra docenti, studenti e parenti di studenti a casa. Dei nove gruppi, otto riguardavano una probabile trasmissione da insegnante a studente, mentre due gruppi hanno visto gli insegnanti infettarsi a vicenda durante riunioni o pranzi di persona, con un insegnante che poi infettava altri studenti. Infine in uno solo dei nove gruppi uno studente era chiaramente il primo caso Covid documentato.

Al via i vaccini per gli insegnanti, ma per ora si fanno 100 dosi al giorno in ogni centro regionale

«Gli educatori hanno svolto un ruolo importante nella diffusione», ha detto lunedì in un briefing online il dottor Rochelle Walenskyin, direttore del CDC. «La diffusione del COVID-19 si è verificata spesso durante incontri o pranzi di persona e successivamente si è diffusa nelle aule». I risultati dello studio americano sono inoltre in linea con altri studi del Regno Unito che hanno rivelato come quello "da insegnante a insegnante" fosse il tipo più comune di trasmissione scolastica. Anche uno studio tedesco ha in precedenza mostrato come i tassi di trasmissione a scuola erano tre volte più alti quando il primo caso documentato era riconducibile ad un docente.

 

 

In tutti i gruppi presi in esame nello studio è venuto anche alla luce un "distanziamento fisico non idoneo", tra gli studenti, spesso a meno di 1 metro di distanza. «Le due ragioni principali per la diffusione del COVID-19 in queste scuole erano il distanziamento fisico inadeguato e l'aderenza della mascherina», ha detto il dottor Walensky.

Roma, le lezioni on-line stanno facendo disastri: «Ai ragazzi la media del quattro»

Il CDC ha nuovamente consigliato alle scuole di perseguire strategie per prevenire la diffusione del virus, inclusa la riduzione degli incontri tra docenti, assicurandosi che le mascherine siano indossate correttamente, e l'aumento delle distanze fisiche, specialmente durante i pasti quando le persone possono non possono indossarle. Lo studio ha anche affermato che oltre a queste strategie, potrebbe essere auspicabile vaccinare gli insegnanti per proteggere gli educatori, ridurre la trasmissione a scuola e mantenere la disattica di persona.

Ultimo aggiornamento: 14:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA