Dal panino polpo e friarielli ai grandi classici, Sciuè lancia il nuovo panino vesuviano

Cambia la stagione, cambia il menu di Sciuè il Panino Vesuviano. La stagione fredda porta con sé funghi biologici, tartufo e ricette più succulente come la Genovese proposta in panino e in versione focaccia. Il baccalà fritto diventa farcitura di un gustoso panino abbinato alle papaccelle napoletane sott’olio dell’azienda Bruno Sodano presidio Slow Food.

La ricerca dello chef Giuseppe De Luca si esprime con abbinamenti nuovi e audaci come il Panino con il Polpo fritto, friarielli e stracciatella di bufala, novità assoluta come il panino Ursula con patata viola, porchetta artigianale, provola affumicata, conserva di melanzane a filetto. 

Fa il suo ingresso nella carta invernale il menu degustazione (35 euro per persona) composto da tre antipasti e un tris di mini panini, completo di dolce finale e abbinamento vini. 

Un compendio di sapori e ricette che combinano la schiettezza della tradizione (la polpetta al sugo su cialda di pane croccante e fonduta di parmigiano) con più innovative proposte (il panino con battuta di manzo crudo, fungo cardoncello, scaglie di tartufo e germogli), con un’attenzione particolare alla materia prima selezionata tra Presidi Slow Food e piccoli produttori locali di eccellenza.

Rinnovato nella grafica e nei contenuti, il nuovo menu di Sciuè racconta non solo le proposte della cucina, ma il territorio e i prodotti con piccoli ed efficaci focus sulle materie prime. «Mangiar bene significa conoscere, conoscere significa innamorarsi di un territorio e di quello che sa esprimere. Vogliamo condividere con i nostri ospiti la nostra passione per le cose buone. Ogni singolo ingrediente che scegliamo ha una storia da raccontare», spiegano i fratelli Giuseppe e Marco De Luca.
Mercoledì 5 Dicembre 2018, 20:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP