Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Meghan Markle, il vestito dell'intervista a Oprah sarà esposto al Fashion Museum di Bath

Martedì 22 Febbraio 2022
Il principe Harry e Meghan Markle

Il vestito in seta nero e bianco indossato da Meghan Markle durante l'intervista bomba ad Oprah Winfrey sarà esposto al Fashion Museum di Bath in Inghilterra dopo essere stato nominato dal museo abito dell'anno. La creazione di Giorgio Armani sarà il capo di chiusura nella mostra «Una storia della moda in 100 oggetti». E in effetti quel vestito è stato protagonista di un'intervista che ha certamente lasciato il segno. Sopratutto a Buckingham Palace con la duchessa del Sussex che sparava a zero sulla famiglia reale - dalla mancanza di sostegno e comprensione alle accuse di razzismo - con accanto il marito Harry. È risaputo, riporta il Dailymail che i membri della famiglia reale usano spesso gli abiti per inviare un messaggio attraverso lo stile, il colore o la decorazione. Nel caso dell'intervista ad Oprah gli esperti hanno ipotizzato che la duchessa avesse scelto un abito con il disegno di un fiore di loto perché simboleggia la rinascita, l'autorigenerazione e l'illuminazione spirituale e la capacità di prosperare nonostante condizioni apparentemente difficili.

Video

Ogni anno, il Museo della moda invita un nome di spicco dell'industria della moda a selezionare un vestito che sia rappresentativo dell'anno passato. Questa volta i selezionatori sono stati Ibrahim Kamara e Gareth Wrighton della rivista Dazed che hanno scelto il vestito indossato da Meghan come abito dell'anno 2021 proprio per l'iconica intervista «un momento anti-establishment che durerà per sempre nella coscienza collettiva britannica» hanno spiegato i selezionatori, aggiungendo «Questo look, attraverso la sola associazione con un momento televisivo virale, è ora saldamente radicato nella nostra cultura pop»

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento