Violenza donne, la figlia di Erdogan difende la Convenzione di Istanbul

Martedì 4 Agosto 2020
Violenza donne, la figlia di Erdogan difende la Convenzione di Istanbul

La Convenzione di Istanbul difesa dalla figlia di Erdogan. Dopo le manifestazioni femministe contro le pressioni degli ultraconservatori islamisti perché la Turchia si ritiri dal protocollo, in difesa della Convenzione si è schierata pubblicamente anche l'associazione di donne islamiche Kadem, la cui vicepresidente è Sumeyye Erdogan Bayraktar, figlia del capo dello stato. 
I media turchi rilanciano un comunicato diffuso sabato scorso a difesa della Convenzione di Istanbul, contro le presunte minacce alla famiglia tradizionale turca, mentre prosegue il dibattito in Turchia sulla possibilità del ritiro della Turchia. Per Kadem, «non si può parlare di 'famiglià se una parte è oppressa dalla violenza» e la «Convenzione di Istanbul è il primo protocollo internazionale che garantisce protezione alle donne contro ogni forma di violenza in quadro legale». L'associazione aggiunge: «Sostenere che questa Convenzione legittimi gli orientamenti omosessuali dimostra quantomeno malafede». Ma poi, il giorno dopo su Twitter, la stessa Kadem afferma che i movimenti Lgbt - considerati «immorali» - rappresentano una minaccia per «il proseguimento delle generazioni».

SOS a Von Der Leyen, violenza domestica dramma prioritario, Ue difenda Convenzione di Istanbul

Sos dalla senatrice Valente, Convenzione di Istanbul sotto attacco dei governi sovranisti

Polonia via dalla convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne
 

Il figlio contrario

A esprimere una posizione critica è stato invece Bilal, un altro dei quattro figli del capo dello stato, tramite la fondazione giovanile Tugva, cui è legato. Pur sottolineando l'impegno contro la violenza di genere, il gruppo ha espresso la sua opposizione contro diversi articoli del documento, accusato di diffondere valori contrari alla famiglia tradizionale e fare propaganda per la comunità lgbt. Nelle ultime ore, rilevano i media locali, si sarebbe così acceso un dibattito interno alla famiglia Erdogan, su cui il padre-presidente sarà chiamato a mettere la parola fine. Il comitato esecutivo del suo Akp dovrebbe esprimersi nei prossimi giorni sul futuro della Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica, che fu aperta alla firma a Istanbul nel 2011 e che la Turchia fu il primo Paese a ratificare l'anno successivo. Il mese scorso, il suo vice-leader Numan Kurtulmus ha suggerito un possibile ritiro di Ankara. 

Ultimo aggiornamento: 16:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA