Morta Monique van Vooren, femme fatale del cinema di Hollywood

Mercoledì 29 Gennaio 2020
Lutto nel mondo del cinema. L'attrice belga naturalizzata statunitense Monique van Vooren, celebre per aver interpretato la cattivissima donna alla guida di un gruppo di malvagi cacciatori che sterminano gli elefanti nel film "Tarzan e i cacciatori d'avorio" (1953), è morta sabato scorsa nella sua casa di New York, in seguito ad un tumore, all'età di 92 anni. L'annuncio della scomparsa è stato dato dal figlio Eric Purcell, agente immobiliare di New York e attore occasionale, a The Hollywood Reporter.

"Biscotto" storia del play-boy di Latina e del suo sogno infranto a soli 23 anni

Van Vooren, conturbante bellezza della Hollywood degli anni '50, apparve in vestaglia bianca nella sequenza del titolo di apertura di "10.000 camere da letto" (1957), il primo film realizzato da Dean Martin dopo la sua separazione artistica da Jerry Lewis, e ha interpretato la baronessa Katrin Frankenstein nel film cult in 3d "Il
mostro è in tavola... barone Frankenstein" (1973), diretto da Paul Morrissey e Antonio Margheriti e prodotto da Andy Warhol.

Fellini, omaggio a “Los Angeles, Italia”, la kermesse tricolore che anticipa gli Oscar

Nata il 25 marzo 1927 a Bruxelles, van Vooren arrivò negli Stati Uniti alla fine degli anni '40 come studentessa alla pari e fece il suo debutto sullo schermo nel melodramma italiano "Domani è troppo tardi" (1950), con Vittorio De Sica e Lois Maxwell. Nel 1953 interpretò il ruolo della bracconiera d'avorio dai capelli scuri Lyra («She-Devil») al fianco di Raymond Burr e Lex Barker, nel ruolo di Tarzan, e Joyce
Mackenzie, in quello di Jane nella pellicola dedicata alle gesta dell'uomo-scimmia "Tarzan e i cacciatori d'avorio". 

Pantaloni e camicia ma anche total red, da Charlize Theron a Renée Zellweger i look più belli al pranzo degli Oscar

Van Vooren ha ottenuto poi piccole parti in "Gigi" (1958) di Vincent Minnelle e "Divieto d'amore" (1959) di David Miller con David Niven e Mitzi Gaynor. Negli anni '60 ha recitato soprattutto in tv e nella popolare serie "Batman", interpretando l'avida Miss Clean. Negli anni Settanta ha recitato spesso in musical a Broadway.

Van Vooren è apparsa anche nei film "Fearless Frank" (1967), interpretato da Jon Voight, "Il Decameron" (1971) di Pier Paolo Pasolini, "Mercoledì delle ceneri" (1973) di Larry Peerce, con Elizabeth Taylor ed Henry Fonda. La sua ultima apparizione cinematografica significativa è stata in "Wall Street" (1987) di Oliver Stone.

Van Vooren è stata sposata brevemente con Curt H. Pfenniger e dopo il divorzio si risposò con Gerard Purcell, produttore e manager televisivo, con cui è stata unita dal 1958 fino alla sua morte nel 2002. L'attrice è stata molto legata all'Italia, dove viaggiava spesso: per un periodo acquistò una villa in Sardegna e per anni ha
passato le vacanze in Sicilia. Ultimo aggiornamento: 16:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA