Venezia nel nome di Francesco Rosi: «L'Italia populista di oggi indignerebbe mio padre»

di Titta Fiore

VENEZIA - Francesco Rosi e sua figlia Carolina, seduti fianco a fianco sul divano, e sullo schermo di casa i grandi film del regista: «Salvatore Giuliano», «Mani sulla città», «Tre fratelli», «Il caso Mattei»... «Li guardavamo insieme nell'ultimo anno della sua malattia, era un modo per condividere un tempo solo nostro». Da quei pomeriggi di chiacchiere e tenerezze, da quegli incontri familiari nasce «Citizen Rosi», il bel documentario che Carolina Rosi e Didi Gnocchi hanno realizzato sul cinema civile di uno degli autori più importanti del Novecento, rileggendo negli appassionati fotogrammi di quei capolavori cinquant'anni di storia italiana.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 6 Settembre 2019, 08:00 - Ultimo aggiornamento: 06-09-2019 12:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP