Muccino, ritratto
di famiglia a Ischia

di Oscar Cosulich

0
  • 6
Nella quiete di una splendida villa di Ischia si sono ritirati a vivere Pietro (Ivano Marescotti) e Alba (Stefania Sandrelli). Per festeggiare i loro cinquanta anni di matrimonio organizzano una nuova cerimonia in chiesa, alla presenza dei tre figli Carlo (Pierfrancesco Favino), Paolo (Stefano Accorsi) e Sara (Sabrina Impacciatore), accompagnati da mogli, marito, nipoti, cugini, amici ed ex, in una famiglia allargata che solo apparentemente mantiene rapporti di civile convivenza. Quando tutti dovrebbero lasciare l'isola per tornare alle rispettive vite, il mare mosso blocca le partenze degli aliscafi costringendo gli invitati a una prolungata coabitazione forzata. È questo il punto di partenza di «A casa tutti bene», nuovo film scritto (con Paolo Costella e la collaborazione alla sceneggiatura di Sabrina Impacciatore) e diretto da Gabriele Muccino. Prodotto con un budget di 7,5 milioni di euro dalla Lotus Production di Marco Belardi con Rai Cinema, il film uscirà nelle sale il 14 febbraio in più di 500 copie (distribuito da 01) e vanta forse il più sontuoso cast corale della storia del nostro cinema. Oltre ai cinque protagonisti già citati, infatti, «A casa tutti bene» schiera anche Carolina Crescentini, Elena Cucci, Claudia Gerini, Massimo Ghini, Giulia Michelini, Sandra Milo, Giampaolo Morelli, Valeria Solarino e Gianmarco Tognazzi, oltre a vantare due brevi cammei di Gianfelice Imparato e Tea Falco.

«Non voglio che questo sia visto come un film generazionale», premette Muccino, «qui si mettono in scena diversi punti di vista, ma è logico che la visione della vita e dell'amore di un cinquantenne sia diversa da quella di un ventenne. Quello che mi interessava era raccontare l'animo umano di fronte alle difficoltà. Non lo considero come un film sulla famiglia», spiega il regista, «piuttosto è uno sguardo sulla società degli uomini, dove la famiglia diventa un villaggio tribale, perché le dinamiche sono le stesse che governano l'animo umano in qualsiasi epoca, e rappresentano il big bang della relazioni umane, quello da cui tutto parte e a cui tutto torna». Gabriele Muccino e l'intero cast saranno ospiti della prima serata di Sanremo, con Pierfrancesco Favino nel doppio ruolo di protagonista del film e «padrone di casa» al fianco del direttore artistico Claudio Baglioni e di Michelle Hunziker.

A Roma ieri Favino ha tenuto a sottolineare come «A casa tutti bene» sia «un mosaico di tanti piccoli specchietti, dove tutti gli spettatori potranno riflettersi, in un modo o nell'altro. Questo non è un film con dei supereroi, ma offre squarci di vita quotidiana, anche perché non credo che esista al mondo una famiglia che non sia, in un modo o nell'altro, disfunzionale», conclude l'attore. A proposito di disfunzionalità, Favino è protagonista di una delle scene più dure del film, quando il suo scontro di coppia con Carolina Crescentini esplode violentemente, arrivando quasi al delitto. Sul tema Muccino spiega che «il personaggio di Favino vive un momento di black-out. Si trova nella situazione che psicoanaliticamente si definisce di fly or fight, cioè o scappi o combatti. È una scena che rappresenta quel momento che potrebbe degenerare e che esiste in ogni coppia; però non c'è in me un giudizio, né tantomeno un riferimento ai femminicidi. Sul tema mi ha ispirato molto di più Le notti di Cabiria, che non la cronaca».

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 3 Febbraio 2018, 10:34 - Ultimo aggiornamento: 03-02-2018 17:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP