Raffaella Fico torna al Grande Fratello: «Ma oggi sono vip, pronta per la vittoria»

Domenica 12 Settembre 2021 di Stefano Prestisimone
Raffaella Fico torna al Grande Fratello: «Ma oggi sono vip, pronta per la vittoria»

Rieccola, 13 anni dopo. Raffaella Fico, 33 anni, da Cercola, sex simbolo italico con un posto fisso sui giornali di gossip, ex di Mario Balotelli (con tanto di prole), un flirt con Cristiano Ronaldo, torna nella casa del «Grande fratello», stavolta per l'edizione vip prodotta da Endemol Shine Italy. La trentatreenne napoletana si rimette in gioco nel reality show più amato dagli italiani (ha fatto il record di ascolti nella scorsa edizione, 3.692.000 spettatori). E con lei nel «Gf vip 6» che comincerà domani in prima serata su Canale 5 presentato da Alfonso Signorini, ci sono altri 23 famosi, o presunti tali: Aldo Montano, Amedeo Goria, Carmen Russo, Gianmaria Antinolfi, Giucas Casella, Jessica, Lucrezia e Clarissa Hailé Selassié, Jo Squillo, Manila Nazzaro, Soleil Sorge, Miriana Trevisan, Nicola Pisu, Katia Ricciarelli, Samy Youssef, Manuel Bortuzzo, Ainett Stephens, Francesca Cipriani, Andrea Casalino, Alex Belli, Tommaso Eletti, Sophie Codegoni, Davide Silvestri. Opinioniste accanto a Signorini sono Adriana Volpe e Sonia Bruganelli, imprenditrice nonché moglie di Paolo Bonolis.

Video

Come è nata questa seconda occasione, Raffaella?
«Dalla produzione mi hanno chiamato per sapere se ero interessata a fare un provino per entrare nel cast. Mi sono presentata e devo averli convinti perché mi hanno comunicato per loro ero Ok e quindi eccomi qua, pronta a questo nuovo capitolo del Grande fratello a distanza di tanti anni. È un programma che mi ha portato tanta fortuna e sono felice di essere di nuovo qui. Mi rimetto in pista con una diversa consapevolezza, nel 2008 ero praticamente una bambina».

Ha il vantaggio di conoscere gli ostacoli da affrontare come la lunga clausura e la convivenza forzata.
«Questi aspetti non mi preoccupano più, anche se 13 anni dopo la reazione è sempre da verificare. Piuttosto c'è un altro aspetto che mi tortura: la lontananza da mia figlia Pia per oltre 3 mesi. Lei ha 9 anni e sta con me 24 ore al giorno. Sarà una dura prova per tutte e due perché come è noto non ci possono essere contatti con l'esterno. Pia resta con la famiglia di mio fratello, che è come un papà per lei, e con il cuginetto piccolo. È cresciuta, va a scuola, ha i suoi amici. Ma non ci è abituata. E poi lascio fuori il mio fidanzato, la mia famiglia».

E i social?
«Mi mancheranno davvero poco, non sono una che sta tutta la giornata a guardare il telefono, vado un po' a periodi. Si, ci sto, li seguo ma con moderazione. Mi mancherà un po' il mio Napoli, che non potrò seguire per 3 mesi. Ma me ne farò una ragione sperando all'uscita di avere qualche bella sorpresa».

Ambizioni, pensa di poter fare strada?
«Ovvio che ci credo e vorrei resistere fino alla fine. Ma all'interno della casa si instaurano delle dinamiche che sono impossibili da prevedere. Ci sono le nomination con le quali puoi mandare a casa gente con cui non vuoi convivere più».

I bookmaker la danno tra le favorite: in cima alla lista c'è Manuel Bortuzzo, lo sfortunato nuotatore 22enne rimasto paralizzato due anni fa perché colpito per errore da un colpo di pistola alla schiena. Poi ci sono Sophie Codegoni, modella di Chiara Ferragni ed ex «Uomini e Donne», e quindi a pari merito lei assieme a Francesca Cipriani, altra bombastica. 
«Wow non lo sapevo, sono lusingata. E non nego che mi fa piacere essere nel novero delle favorite. Chi vivrà vedrà».

C'è un segreto per resistere nella casa del «Gf?»
«In realtà non c'è un vero segreto, anche se la calma, la pazienza, possono fare molto. Io sono un tipo molto tranquillo e non sono per gli scontri. Anche se non sopporto le persone che chiacchierano troppo e a sproposito. Ma non so come andrà con i partecipanti, con i quali tra l'altro non mai avuto alcun contatto precedente. Sarà tutta una scoperta».

Lei è anche la direttrice artistica del Bolivar, il teatrino di Materdei. La stagione partirà senza di lei?
«Si, certamente, non si può aspettare dicembre o gennaio. L'attività partirà, sono cominciate le selezioni per un musical che vogliamo produrre, intitolato Wags, che sta per wives and girlfriends, dedicato alla figura delle fidanzate o mogli di calciatori e sportivi famosi. Poi c'è una rassegna di musica classica e altri spettacoli in via di definizione. Appena uscita mi ritufferò nella direzione artistica». 

Ultimo aggiornamento: 19:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA