Bonaventura verso il sì al Benevento:
pronto un biennale da due milioni

Sabato 29 Agosto 2020 di Luigi Trusio
L'attesa si sta facendo spasmodica. I prossimi giorni saranno decisivi per due colpi in entrata e, soprattutto, per il calendario della Serie A, che sarà svelato il prossimo 2 settembre. Il Benevento conoscerà difatti il suo cammino nel massimo campionato nel corso della presentazione fissata per mercoledì 2 settembre alle 12. Le giornate che comporranno la prossima stagione, al via il 19 settembre, saranno rese note in via esclusiva sul sito internet, sugli account social e sul canale YouTube di Lega Serie A.

Quanto al mercato, Bonaventura e Gervinho sono entrambi vicinissimi al Benevento. Il centrocampista ex Milan, fresco di convocazione in nazionale da svincolato, è sempre più orientato a dire sì al Benevento. Filtra ottimismo nell'ambiente giallorosso per l'accettazione da parte di Jack del biennale con opzione da 2 milioni più bonus propostogli da Pasquale Foggia. A partire da domani ogni giorno potrebbe essere quello giusto per incassare l'assenso del poliedrico centrocampista, convocato dal commissario tecnico dell'Italia Roberto Mancini per la Nations League nonostante sia senza squadra. La deadline che si è imposto il Benevento scade martedì. Ma da quello che trapela l'ok del giocatore è davvero a un passo: la principale garanzia è rappresentata da Inzaghi che considera Bonaventura un suo pupillo. Fu proprio Pippo a volere Jack al Milan nell'estate del 2014: Adriano Galliani per accontentarlo lo acquistò dall'Atalanta per 7 milioni di euro. Le strade dei due si sono separate ma presto potrebbero ritrovarsi. Quanto a Gervinho, ormai si ragiona sulla base di 5 milioni, ma c'è la possibilità concreta che si possa chiudere a quota 4 all'inizio della prossima settimana. Il Parma deve vendere e ha messo sul mercato anche Cornelius, altro profilo che piace al Benevento e per il quale i giallorossi, già qualche giorno fa, hanno chiesto informazioni. Dietro al centravanti danese, che è di proprietà dell'Atalanta solo in linea teorica perché il Parma ne detiene il cartellino in prestito biennale gratuito con obbligo di riscatto a 7 milioni, ci sono diversi club e quindi la concorrenza è abbastanza folta. Ma potrebbe anche essere possibile un pacchetto con entrambi gli attaccanti, sia l'esterno ivoriano che il gigante scandinavo. Per adesso però Foggia si sta concentrando in particolare su Gervinho che è il primo della lista di Pippo Inzaghi per quel che riguarda i laterali offensivi. Il club giallorosso, sempre alla ricerca di un trequartista (monitorati i vari Caprari, Saponara e Falco), pur tenendo ancora aperta una porta col Fenerbahce per Zajc, ha chiesto al Torino Iago Falque, appena rientrato dal prestito al Genoa. Deciderà il nuovo allenatore Giampaolo, con lo spagnolo che potrebbe non essere adatto al suo sistema di gioco.

Intanto Loic Remy, che si era accordato con il Benevento per un triennale ma poi aveva dovuto rinunciare al tesseramento per problemi fisici che cozzano con le normative italiane per quel che riguarda il rilascio del certificato di idoneità medico-sportiva è un nuovo giocatore del Rizespor. Lo ha annunciato il club turco sui propri canali ufficiali. L'attaccante francese ha firmato un biennale. Così come Bonaventura e Gervinho se dovessero firmare, anche Lapadula non riuscirà a raggiungere Seefeld e si aggregherà al gruppo solo in un secondo momento.
L'attaccante oggi dovrebbe sostenere le visite mediche a Villa Stuart e poi apporre la firma sul contratto che lo legherà al Benevento per le prossime tre stagioni. Sempre nella giornata odierna, Glik e Ionita lasceranno il ritiro austriaco per rispondere alle convocazioni delle rispettive nazionali. L'ex difensore di Torino e Monaco giocherà, con la sua Polonia, il 4 e 7 settembre contro Olanda e Bosnia. L'ex Cagliari, con la maglia della nazionale moldava affronterà prima il Kosovo (3 settembre) e poi la Slovenia, domenica 6. Ieri a Seefeld la squadra in mattinata ha svolto attivazione tecnica con la palla e successivamente esercitazioni tattiche offensive. Nel pomeriggio riscaldamento tecnico ed esercizi di possesso palla e partita ad alta intensità.  © RIPRODUZIONE RISERVATA