Media company, la serie A dice sì
all'offerta Fondi: pronti 1,7 miliardi

Giovedì 19 Novembre 2020 di Emiliano Bernardini

La Lega Serie A, riunitasi all'ora di pranzo in uno hotel di Roma, ha accettato con voto unanime l'offerta del consorzio di fondi di investimento CVC-Advent-Fsi, che entra così con il 10 per cento nella media company creata per gestire e commercializzare i diritti televisivi. Sul tavolo 1,7 miliardi di euro, che sono ossigeno pure per il mondo del calcio italiano fortemente in crisi.

I venti presidenti hanno detto sì all'offerta, un voto che però non è vincolante. O meglio nei prossimi mesi dovrà essere approvata la delibera definita sul contratto. Tradotto le condizione per la realizzazzione del progetto sono state approvate ora resta da capire se i presidenti troveranno o meno l'accordo sul fare o meno il progetto. 

Quello votato oggi è solo il primo passo in vista di una svolta storica. Ci sarà da discutere sui criteri di distribuzione delle risorse e sulla struttura della governance, argomenti su cui c’è da scommettere i toni si alzeranno. Soprattutto da parte delle neopromosse e della serie B. Serviranno un paio di mesi per stendere i contratti e verosimilmente si arriverà al closing nel prossimo anno. E per allora, in piena vendita dei diritti del triennio 2021-2024, si comprenderà quanto si dovrà accelerare il progetto del Canale.

Ultimo aggiornamento: 15:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA